Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 01:43

Gallipoli, Pagliuso conferma «Ho dato la mia disponibilità»

Sono ore decisive. L'entourage del presidente Vincenzo Barba ieri sera si è nuovamente riunito fino a tarda ora. Al vaglio l'accordo per il coinvolgimento della famiglia Pagliuso nella società (serie B di calcio). Ipotesi che trova conferma nella presenza all’incontro di Luca Pagliuso, figlio di Paolo l’ex presidente del Cosenza. Già oggi potrebbe arrivare l'ufficialità dell'intesa, della quale restano da capire i contorni
Gallipoli, Pagliuso conferma «Ho dato la mia disponibilità»
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Sono ore decisive. L'entourage del presidente Vincenzo Barba ieri sera si è nuovamente riunito fino a tarda ora. Al vaglio l'accordo per il coinvolgimento della famiglia Pagliuso nella società del Gallipoli. Ipotesi che trova conferma nella presenza all’incontro di Luca Pagliuso, figlio di Paolo l’ex presidente del Cosenza. Già oggi, o al massimo domani, potrebbe arrivare l'ufficialità dell'intesa, della quale restano da capire i contorni.

A quanto è dato sapere, l'ex direttore generale della squadra silana vorrebbe conservare il medesimo ruolo anche nel prossimo organigramma gallipolino: <Ho solo fornito al presidente Barba la mia disponibilità a ricoprire il ruolo di direttore generale>, ha detto il manager 35enne nel pomeriggio, prima dell'incontro. <Nel momento in cui Barba deciderà di rimanere al suo posto e di riorganizzare la società, allora io sarei pronto a collaborare con lui>. Potrebbero rientrare nel progetto anche il direttore sportivo, Gino Dimitri, e l'allenatore, Beppe Giannini: <So che il presidente vorrebbe confermarli entrambi. Se rimarrà lui, rimarrebbero anche loro>. I termini della soluzione potrebbero essere due: la cessione di una parte più o meno rilevante del pacchetto azionario o la mera collaborazione di Luca Pagliuso, ipotesi meno concreta nonostante le dichiarazioni di facciata. Vincenzo Barba rimarrebbe il presidente. Proprio il petroliere ieri sera ha scoperto le carte: <Chiudiamo entro poche ore. Il compromesso potremmo firmarlo già oggi. Rimarrei come presidente onorario. Conosciamo questi imprenditori: masticano calcio, sanno fare il loro mestiere e non delegano. Sono nelle condizioni di garantire un futuro alla società>.

Nel frattempo la Meleam con un comunicato insiste nel confermare la volontà di acquisire il pacchetto di maggioranza del Gallipoli. Mentre <confida nel buon senso del presidente Barba per la definizione della trattativa>, la società conferma l'appuntamento di lunedì 3 agosto (alle 19 a Bitonto) per la firma e la conferenza di presentazione (martedì a Gallipoli). Barba smentisce tutto con ironia: <Mi congratulo con la Meleam. Apprendo dalla stampa l'avvenuta cessione del club. Prego i dirigenti di incontrarci lunedì a Gallipoli o al massimo a Brindisi, a metà strada, perchè ho l'influenza. In quella sede fornirò gli estremi bancari per il versamento dei 10milioni di euro che sono disposti a investire sulla squadra>.

Nel frattempo è stata accettata la richiesta del Gallipoli di invertire il campo in occasione della sfida di Coppa Italia prevista per il 9 agosto. I giallorossi giocheranno infatti contro la vincente tra Lumezzane e Fano (in programma il 5 agosto alle 17). I tifosi in quell'occasione prepareranno striscioni di contestazione e diranno la loro su questa estate instabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione