Cerca

Semeraro avverte «Cacìa resta qui»

L'attaccante dovrà mettere nel cassetto le ambizioni e concentrarsi a giocare nel Lecce in serie B di calcio. Per Fiore, invece, se l’allenatore lo riterrà utile, è pronto un contratto a gettone. Questi i messaggi lanciati dal presidente che, insieme al numero due della società Moroni, ha fatto visita alla squadra ieri nel ritiro di Tarvisio e si è incontrato con il ds Angelozzi e De Canio per un vertice di mercato
Semeraro avverte «Cacìa resta qui»
LECCE - Cacìa dovrà mettere nel cassetto le ambizioni di giocare in serie A e concentrarsi a produrre nel Lecce, per Fiore, invece, se l’allenatore lo riterrà utile, è pronto un contratto a gettone.

Questi i messaggi lanciati dal presidente Giovanni Semeraro che, insieme al numero due della società Mario Moroni ha fatto visita alla squadra ieri nel ritiro di Tarvisio e si è incontrato con il direttore sportivo Guido Angelozzi, giunto nel pomeriggio e lo stesso allenatore Gigi De Canio per un vertice di mercato.

«Abbiamo parlato con Cacìa - ha detto il presidente - non mi pare che ci siano richieste che possano indurci a cederlo, tranne una che non si può prendere in considerazione, sia perchè è una squadra nostra concorrente (la Reggina - ndr), sia perchè lo vorrebbe in prestito gratuito. Abbiamo fatto un investimento importante su di lui e certamente non possiamo darlo in prestito gratuito. Deve convincersi che il suo futuro, almeno per il prossimo anno sarà Lecce. Anzi, ci aspettiamo da lui risposte importanti».

Quanto a Fiore lascia una porta aperta. «Deve decidere l’allenatore, se lo ritiene atleticamente a posto e pensa che possa fare al caso del Lecce, può restare con noi».

Poi, sulle prossime strategie di mercato: «Dobbiamo completare con alcuni attaccanti e un terzino di sinistra» - ha proeseguito il presidente. A proposito di quest’ultima figura tattica, è spuntato nelle ultime ora il nome del ventiseienne esterno difensivo del Brescia Simone Dallamano.

Sul «cantiere aperto» Semeraro frena e cerca di mantenere compatto l’ambiente. «Purtroppo il calciomercato si decide negli ultimi giorni di agosto, o addirittura nelle ultime ore degli ultimi giorni e questo comporta che le rose non siano complete nei ritiri precam pionato. Ma andiamoci calmi col dire che questa è una squadra tutta in partenza. Sono voci che destabilizzano il gruppo. Di partenze ce ne saranno forse una o due, ma il grosso della rosa sarà questo».

Anche sulla politica dell’austerità e sugli obiettivi, Semeraro tiene su l’ambiente. «Abbiamo detto che i costi vanno contenuti perchè siamo in serie B - prosegue il presidente - ma questo non significa abbandonare tutte le armi e farsi assalire dai problemi finanziari. Se si prospetteranno delle buone opportunità, potremo anche fare qualche investimento strategico. È vero che questo sarà un campionato di transizione, forse non staremo in vetta, ma dovrà essere comunque un campionato dignitoso. Stiamo lavorando per il futuro, è iniziato un nuovo corso e dobbiamo produrre calcio in maniera diversa. Non si può puntare su nomi eclatanti, ma su ragazzi che hanno voglia di correre e di giocare al calcio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400