Cerca

Europei juniores bronzo pugliese

Terzo posto per Veronica Inglese nella finale dei 5000 metri: la piccola mezzofondista barlettana si rende protagonista di una prova tatticamente perfetta nel gruppo che lotta per il bronzo alle spalle dell’imbattibile norvegese Grovdal e della britannica Purdue. «Le gambe giravano e quindi sono andata a riprendere l’avversaria che avevo davanti: ma non sapevo che valesse il bronzo», ha candidamente confessato l'azzurra all'arrivo
Europei juniores bronzo pugliese
ROMA  – Due bronzi a sopresa per gli azzurri nell’ultimo pomeriggio di gare agli Europei juniores di Novi Sad. Terzo posto per Veronica Inglese nella finale dei 5000 metri: la piccola mezzofondista pugliese si rende protagonista di una prova tatticamente perfetta nel gruppo che lotta per il bronzo alle spalle dell’imbattibile norvegese Grovdal e della britannica Purdue, rimontando nel finale l’ucraina Skrypak e conquistando così il podio. «Non mi ero neanche accorta di essere arrivata terza – ha candidamente confessato l’azzurra all’arrivo, che con 16'41"37 ha ottenuto anche il suo primato personale – Le gambe giravano e quindi sono andata a riprendere l’avversaria che avevo davanti: ma non sapevo che valesse il bronzo». 

L’altro miracolo di giornata è della staffetta azzurra del miglio, che conquista uno storico bronzo con Andrea Daminelli, Francesco Cappellin, Alessandro Pedrazzoli e Francesco Ravasio (3'09"87). Mai un quartetto azzurro juniores era riuscito a conquistare il podio europeo, neanche quando aveva specialisti in grado di arrivare in finale nella prova individuale: due volte quarti, ad Atene 1975 e a Riga 1999, con quartetti assemblati ad immagine e somiglianza di questo, senza stelle ma fondati sulla compattezza. Ad un passo dalla medaglia si fermano invece le ragazze della 4x100, Elena Vallortigara nell’alto ed il quartetto veloce maschile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400