Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 12:11

Il leccese Greco d'oro all'Europeo di Kaunas

Il ventenne poliziotto salentino, nato a Nardò e residente a Galatone, ha ottenuto in Lituania nel salto triplo la misura vincente di 17,20 (quinta migliore prestazione italiana assoluta di sempre) proprio all’ultimo salto, volando dal settimo posto al gradino più alto del podio continentale under 23. Ha ampiamente superato il minimo di partecipazione per i prossimi Mondiali assoluti di Berlino
Il leccese Greco d'oro all'Europeo di Kaunas
KAUNAS (LITUANIA) – Daniele Greco, 20 anni, si laurea Campione d’Europa under 23 nel salto triplo con la misura di 17,20 (+1.8). Il poliziotto salentino, nato a Nardò e residente a Galatone, ha ottenuto la misura vincente proprio all’ultimo salto, volando dal settimo posto al gradino più alto del podio continentale. Con questa misura il ventenne allenato da Raimondo Orsini, stabilisce il nuovo record italiano under 23, superando il 16,73 saltato da Fabrizio Donato a Roma il 24 maggio del 1998.

Il suo 17,20 diventa anche la quinta migliore prestazione italiana assoluta di sempre e ampiamente il minimo di partecipazione per i prossimi Mondiali assoluti di Berlino. Questa la sua serie completa di salti: N; 16,24; 16,46; 16;35; N; 17,20.

Daniele Greco«Che gara! – racconta Greco – ho avuto qualche brivido nei primi tre salti. Salto dopo salto uscivano cose buone, ma mai tutte insieme. Si trattava solo di trovare la combinazione giusta. Al quarto salto ho sentito un pò di stanchezza, poi al quinto quando ho fatto quel nullo millimetrico, ma lunghissimo, già oltre i 17 metri ho pensato che forse avevo sprecato il mio salto migliore. A quel punto mi sono concentrato. E ho raccolto tutte le energie che mi restavano in corpo», dice il triplista salentino.

«Non potevo sbagliare. Non potevo andarmene da qui solo con un 16,46. Quando sono atterrato nella sabbia, nemmeno mi ero accorto di quanto avessi saltato. Poi, ho guardato il mio tecnico Raimondo Orsini e il resto della squadra che esultava in tribuna. 17,20! Non ci posso credere. Sapevo di valere queste misure, ma era importante farle in questa occasione. Volevo una medaglia. A tutti i costi. Anche per onorare i tanti sacrifici fatti per arrivare fin qui e a questo livello».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione