Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 13:04

Lecce, via Castillo Ora si cerca Corvia

Sabato in tarda serata il direttore sportivo Angelozzi ha chiuso la trattativa in corso con la Fiorentina per la cessione dell’argentino. Continua la campagna di «alleggerimento» degli ingaggi del club (serie B di calcio). Adesso ha c'è l’esigenza primaria di ricostruire l’attacco. Il punto fermo è Cacia, che però ha lasciato il ritiro di Tarvisio per sottoporsi a un programma di fisioterapia per il piede operato a fine stagione
• Giacomazzi forse capitano
• Gallipoli, il tempo è scaduto
Lecce, via Castillo Ora si cerca Corvia
LECCE - Anche Nacho Castillo saluta il Lecce. E ora per l’attacco giallorosso, ridotto all’osso, spunta il nome di una vecchia conoscenza: Daniele Corvia.

Sabato in tarda serata il direttore sportivo Guido Angelozzi ha chiuso la trattativa in corso con la Fiorentina per la cessione dell’argentino. E già ieri il centravanti di Buenos Aires ha lasciato il ritiro di Tarvisio per raggiungere Firenze, dove questa mattina sosterrà le visite mediche. Nel pomeriggio, dopo la firma del contratto, sarà a disposizione di Prandelli nel ritiro di Cortina, che lo utilizzerà come vice-Gilardino.

La campagna di alleggerimento programmata da Via Templari, perciò, viaggia a gonfie vele. Dopo Tiribocchi, Caserta, Ariatti e Zanchetta, è stato il turno di un altro elemento che ormai non rientrava nei piani del «nuovo corso».

Il Lecce, dalla cessione a titolo definitivo di Castillo, incasserà poco più di un milione di euro (un anno fa lo aveva prelevato dal Pisa per un milione e 400mila euro) e risparmierà un altro ingaggio non da poco (anche se Nacho in B avrebbe guadagnato di meno, secondo quanto previsto nell’accordo sottoscritto al suo arrivo). Ma nel caso dell’argentino ha pesato più che altro la volontà del giocatore di andare via. Il rapporto con De Canio non era dei migliori: l’attaccante non aveva gradito che l’arrivo del tecnico di Matera fosse coinciso con il suo parziale accantonamento a vantaggio di Papadopoulos e Konan. Così da tempo premeva per trovare un’altra sistemazione, visto che gli estimatori non mancavano (lo ha seguito, tra gli altri, il Bari di Ventura, il tecnico che lo aveva valorizzato a Pisa).

A Tarvisio era ormai un corpo estraneo al gruppo e aspettava solo l’opportunità giusta, che alla fine si è concretizzata. E per giunta con la chiamata di un club di A, e di prima fascia. Proprio alla Fiorentina Castillo ha segnato uno dei sette gol realizzati la scorsa stagione con la maglia giallorossa, firmando la vittoria per 2-1 al Franchi, primo successo in trasferta per il Lecce. A quasi 34 anni, l’argentino non poteva chiedere una destinazione migliore.

PRIORITA' ATTACCO - Il Lecce adesso ha però l’esigenza primaria di ricostruire l’attacco. Il punto fermo è Daniele Cacia, che però ha lasciato il ritiro di Tarvisio per sottoporsi a un programma di fisioterapia per il piede operato a fine stagione. De Canio perciò è praticamente senza attaccanti. Ma non lo sarà a lungo.

Questa settimana potrebbero arrivare i primi rinforzi. Le piste sono numerose ma il nome nuovo è quello di Daniele Corvia, l’anno scorso a Empoli e di proprietà del Siena. Una vecchia conoscenza del pubblico giallorosso, che lo ha apprezzato due stagioni fa nella squadra che conquistò la promozione in serie A. Corvia arrivò a gennaio e fu artefice di un buon girone di ritorno, che chiuse con sei gol siglati nei 13 gettoni di presenza che gli concesse Papadopulo.

Corvia è soprattutto un’ottima spalla della prima punta (ruolo ben interpretato con Tiribocchi), ma può fare anche l’attaccante centrale.

È giovane (24 anni) ma ha già un’ottima esperienza della categoria e, ora che Castillo è andato via, questo lo potrebbe porre in vantaggio rispetto ad attaccanti che in serie B sarebbero una scommessa. È il caso dei due giovani Arma (Spal) e Baclet (Arezzo), elementi sicuramente interessanti che il Lecce continua a seguire. L’arrivo di un bomber più esperto non precluderebbe il loro acquisto, ma sarebbe una «precauzione» per mettersi al riparo da rischi. Oltre a quella che porta a Corvia, il Lecce non trascura la pista Mastronunzio: il centravanti dell’Ancona viene seguito fin dall’apertura del mercato. E, per la seconda punta, Angelozzi non ha mai mollato la presa anche su Forestieri del Genoa.

Questa settimana potrebbero esserci altri movimenti in uscita: sempre la Fiorentina potrebbe sferrare l’assalto decisivo a Edinho. Anche il Livorno corteggia il brasiliano, così come gli altri due giallorossi Benussi e Polenghi. Al Genoa piace sempre molto Esposito, ma la Roma resta favorita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione