Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 02:18

Il «gigante» Elia rafforza la Prisma 

Dopo Cozzi, il reparto centrali del Taranto (A1 maschile di pallavolo) si arricchisce. Arriva il laziale, proveniente dalla Mezzaroma Volley con cui ha chiuso l’ultima A2 con una media di 9.1 punti a partita. «Taranto è una grande occasione, che voglio sfruttare». Sarà probabilmente il centrale titolare. 24 anni non ancora compiuti, alto 205 centimetri, il giocatore di Tarquinia giunge in prestito dalla Sisley Treviso
Il «gigante» Elia rafforza la Prisma 
di ANGELO LORETO

TARANTO - Dopo Cozzi, il reparto centrali della Prisma si arricchisce. Arriva il laziale Alberto Elia, proveniente dalla Mezzaroma Volley con cui ha chiuso l’ultima A2 con una media di 9.1 punti a partita. «Taranto è una grande occasione, che voglio sfruttare». Si presenta così Elia, che sarà probabilmente il centrale titolare, assieme al neo acquisto Cozzi.

24 anni non ancora compiuti, alto 205 centimetri, il giocatore di Tarquinia giunge in prestito dalla Sisley Treviso in cui ha militato per due stagioni (ha vinto anche uno scudetto Under 20), proveniente dal settore giovanile della Roma Volley (ha avuto esperienza anche in B2 nella Lazio Pallavolo). «Gli ultimi tre anni per me sono stati importanti - commenta lui -, uno diverso dall’altro per tanti motivi. A Crema, all’esordio in A2, mi sono confrontato con una realtà nuova, a Catania ho avuto un problema alla caviglia ma ho acquisito la consapevolezza che nella categoria potevo starci. A Roma la scorsa stagione penso di aver disputato un buon campionato».

Riguardo la scelta di Taranto, Elia è consapevole che si tratta di una grossa chance per la sua carriera: «Non c'è stato molto da riflettere. Qualche settimana fa ho sentito il coach Montagnani ed il diesse De Patto ed alla loro proposta ho subito detto di si. Mi sento carico, voglioso, vorrei che domani fosse già agosto. Sono fortemente motivato. Io titolare? È l'allenatore che decide - afferma -, le mie qualità le devo dimostrare sul campo. So di avere a disposizione una grande occasione e voglio sfruttarla. Devo essere bravo io a rispondere presente quando sarò chiamato in causa».

Elia illustra le sue caratteristiche tecniche: «A Catania mi sono distinto particolarmente a muro. La scorsa stagione a Roma, con un fuoriclasse senza tempo come Tofoli in palleggio, mi sono divertito ad attaccare tanto. Diciamo che la componente fisica è quella che mi caratterizza maggiormente e poi caratterialmente sono uno che non si abbatte mai. Spero di migliorare tanto soprattutto in battuta dove devo acquisire maggiore sicurezza».

Infine le ultime parole di Elia sono per il luogo che ospiterà la sua nuova avventura, la prima in A1 dai tempi di Treviso nel 2006. «In tre anni di A2 - spiega - ho avuto modo di giocare a Taviano, Castellana e Gioia, campi caldi sui quali ho quasi sempre perso il treno dei playoff. So che il presidente Bongiovanni è una persona appassionata e sono contento di essere allenato da Montagnani di cui si parla un gran bene nell’ambiente».

L’A1 E IL MERCATO- Ieri la Lega ha ufficializzato la lista delle squadre dotate di requisiti per l’ammissione al prossimo campionato. 13 le squadre ammesse, tra le quali la Prisma. Manca Pineto, affetta da guai finanziarie e pendenze economiche, che riguardano anche i neo rossoblù Montagnani (mister) e Rivaldo (opposto). Ora la decisione definitiva spetterà la alla Federvolley. Certa la settima A1 della storia di Taranto, che la Prisma affronterà con una squadra rinnovata. Questa la lista dei giocatori sinora in dote a Montagnani: Suxho e Quartarone palleggiatori; Rivaldo e Moretti opposti; Abbadi martello; Cozzi ed Elia centrali; Ricciardello libero. In arrivo il secondo martello, che sarà l’ex Pineto Cleber. Anche la sua alternativa verrà dall’estero, mentre il quarto uomo della banda sarà un giovane italiano con Ariaudo e Capra come ipotesi. Il terzo centrale potrebbe essere un altro giovane italiano promettente. Una Prisma rivoluzionata, ma combattiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione