Cerca

La Virtus Medical Center è approdata in B1 di volley

La notizia tanto attesa è finalmente arrivata e la società di Via Vespucci può finalmente programmare il suo futuro con la certezza di aver centrato il salto di categoria. Ormai tutto sembrava certo da alcuni giorni ma la dirigenza Virtus ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all’ultimo istante. I potentini hanno trovato un accordo con una compagine barese di B1. Le due società si sono scambiate il rispettivo titolo
La Virtus Medical Center è approdata in B1 di volley
di Giuseppe Alfano

POTENZA - La Medical Center Virtus Potenza è ufficialmente una squadra di B 1. La notizia tanto attesa è finalmente arrivata e la società di Via Vespucci può finalmente programmare il suo futuro con la certezza di aver centrato il salto di categoria. Ormai tutto sembrava certo da alcuni giorni ma la dirigenza Virtus ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all’ultimo istante. I potentini hanno trovato un accordo con una compagine barese di B1, le due società si sono scambiate il rispettivo titolo sportivo.

I lucani fanno così il salto di categoria tanto inseguito mentre l’Amatori Volley Bari parteciperà al prossimo torneo di B 2. Per i rossoblù si tratta di un ritorno in B 1 quindicianni dopo, era infatti il 1994 quando la Virtus giocò il suo ultimo campionato in questa serie. Vi aveva militato per quattro anni di seguito a partire dal 1990 ed era anche riuscita nella sua migliore annata a sfiorare i play-off per la A 2. Senza dubbio altri tempi, altra pallavolo, sono passati tanti anni e tante sono le cose cambiate da allora. Diversi sono oggi i costi gestionali, una squadra in B 1 costa tre volte di più rispetto a quasi vent’anni fa e tante sono le cose da valutare soprattutto per una squadra che proviene dalla B 2. Da non sottovalutare certo nemmeno il valore delle squadre che giocano in simili categorie, il livello si alza sensibilmente e non è semplice competere con realtà che da anni hanno accumulato esperienza. La Medical Center però già era al corrente di simili realtà e nonostante tutto si è battuta con i denti per raggiungere il suo obiettivo. Tale accanimento e convinzione lascia pensare che la dirigenza ha valutato attentamente tutte le possibili varianti e ha comunque deciso di insistere per la propria strada.

Il presidente Mancino dopo l’annuncio ufficiale non si è tirato indietro ed ha subito dichiarato: «Il sogno è finalmente diventato realtà. Abbiamo raggiunto ciò che tutti noi meritavamo, L’anno scorso abbiamo disputato un girone di ritorno quasi perfetto. I play-off lo sono stati quasi alla stessa maniera e non ci andava giù assolutamente di perdere questa ghiotta occasione. Adesso siamo a tutti gli effetti una squadra di B 1 ben conosciamo le difficoltà che ci aspettano e sappiamo che il nostro primo obiettivo sarà la salvezza. Lotteremo come abbiamo sempre fatto». La telenovela infinita ha scritto la parola fine ora si aspetta il copione della stagione più importante…la prossima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400