Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 00:27

Il duo Briganti-Stefanelli esulta per lo scudetto di beach tennis

Dopo il titolo mondiale, ecco il bis italiano delle due campionesse che, domenica sera a Bibione, hanno replicato il trionfo dello scorso anno nel torneo di doppio. Le due giocatrici joniche, teste di serie numero 1 del tabellone, hanno sconfitto in finale le numero 2 del seeding, la coppia emiliano-veneta Bruschi-Olivieri. «Siamo felicissime per questo nuovo importante risultato»
Il duo Briganti-Stefanelli esulta per lo scudetto di beach tennis
di ANGELO LORETO

TARANTO - Dopo il titolo mondiale, ecco il bis italiano. Nel giorno in cui il Real Statte ha conquistato lo scudetto di calcio a 5 femminile, un altro tricolore è stato portato in riva al mare Jonio. Lo hanno vinto Rossella Stefanelli e Simona Briganti, le due campionesse di beach tennis, che domenica sera a Bibione, contro le avversarie di sempre, hanno bissato il trionfo dello scorso anno nel torneo di doppio.

Le due giocatrici joniche, teste di serie numero 1 del tabellone, hanno sconfitto in finale le numero 2 del seeding, la coppia emiliano-veneta Franca Bruschi e Laura Olivieri, al termine di un match equilibrato, chiusosi 10-6 al tie break dopo che le tenniste ioniche avevano vinto il primo set per 6-4, perdendo il secondo per 7-5. Immacolato, senza aver perso neanche un set, era stato invece il cammino che le aveva portate alla finalissima, fatto di tre successi. Il nuovo scudetto italiano arriva dopo il titolo mondiale vinto il mese scorso al Foro Italico di Roma in finale ancora contro Bruschi e Olivieri.

«Siamo felicissime per questo nuovo importante risultato» dicono ad una voce le due atlete il cui sogno è quello che il beach tennis possa finalmente entrare a far parte del club degli sport olimpici. Ali prossimi Giochi, Londra 2012, mancano ancora tre anni. Chi sa che questo spettacolare sport, mutuato dal tennis, possa seguire lo stesso destino del volley, allargatosi dai palazzetti alle spiagge dorate. Briganti e Stefanelli sarebbero di sicuro tra le favorite di una medaglia.

La prima da ragazzina praticava il tennis sul cemento. Poi la rottura dei legamenti del ginocchio l’ha costretta ad abbandonare la racchetta, dedicandosi prima al volley e poi ai «racchettoni». La seconda, avvocatessa e mente pensate del duo, da Gandoli ha conquistato l’Italia e il mondo, come la sua compagna. Ad allenarle è Mauro Alessano, che da Ravenna ha importato questo sport sulle spiagge ioniche. Ora ci sono loro che, tra titoli italiani e mondiali, regalano a Taranto altri successi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione