Cerca

«La crisi economica del volley pesa in Salento più che altrove»

Fefè De Giorgi è giunto da poco in vacanza nella sua Squinzano. Venerdì 3 e domenica 5 luglio sarà a Mantova ed a Modena, dove sono in programma le ultime due gare di World League dell’Italia, per ricoprire il proprio ruolo di commentatore della Rai. Poi, tornerà al mare ed al sole del Salento sino alla data d’inizio della preparazione della Lube Banca Marche Macerata, la squadra di A1 che allena
• Prisma, è Marchetti il vice di Rivaldo
«La crisi economica del volley pesa in Salento più che altrove»
di Antonio Calò

SQUINZANO - Fefè De Giorgi è giunto da poco in vacanza nella sua Squinzano. Venerdì 3 e domenica 5 luglio sarà a Mantova ed a Modena, dove sono in programma le ultime due gare di World League dell’Italia (che se la vedrà con l’Olanda, squadra-leader del girone), per ricoprire il proprio ruolo di commentatore della Rai.

Poi, tornerà al mare ed al sole del Salento sino alla data d’inizio della preparazione della Lube Banca Marche Macerata, la squadra che allena. Approfittando della sua consueta disponibilità, abbiamo parlato con lui della stagione vissuta dalla sua formazione, del momento che sta vivendo la pallavolo salentina, di un suo eventuale futuro alla guida della nazionale.

«Nell’annata 2008/2009, Macerata è partita alla grande, aggiudicandosi la Supercoppa Italiana e la Coppa Italia, due trofei ambiti - afferma De Giorgi - In seguito siamo approdati nella semifinale di Champions League e del campionato italiano».

«Nella prima manifestazione - aggiunge il coach di Squinzano - abbiamo perso in maniera netta contro l’Itas Diatec Trentino, senza mai entrare nel match. Nella seconda ci siamo arresi dinanzi alla Copra Piacenza in gara-5, al tie-break. Tenuto conto che le migliori squadre sono all’incirca allo stesso livello, conta innanzitutto piazzarsi tra le prime quattro nei tornei importanti. Vincere, naturalmente, è tutt'altra cosa».

Il Salento ha messo il proprio «zampino» in tutte le manifestazioni di spicco. De Giorgi e Mirko Corsano hanno primeggiato nella Supercoppa Italiana ed in Coppa Italia, Marco Cosimo Piscopo si è imposto in Champions League, Luca Durante ha vinto lo scudetto.

«E' bello che i massimi esponenti della pallavolo della nostra terra facciano parte dei club d’elite del volley italiano - sottolinea Fefè De Giorgi - L'impresa più eclatante l’ha centrata Durante, che ha trionfato in campionato al suo esordio in A-1, per di più dopo avere cambiato ruolo: una cosa difficilissima».

Nel Salento, invece, è buio pesto. «Da noi la crisi economica si avverte più che altrove - sostiene il tecnico della Lube Banca Marche - Quando abbiamo avuto un team in A-1 oppure in A-2, è durato pochi anni. Soprattutto in tempi difficili l’unica strada credo sia quella di lavorare bene con i baby, onde crearsi delle prospettive future». De Giorgi è da tempo uno dei migliori tecnici italiani. In molti lo ritengono pronto per la Nazionale. «Ci miravo da atleta e ci sono arrivato - afferma Fefè - In prospettiva, la panchina azzurra è uno dei miei traguardi da allenatore, ma ogni obiettivo va raggiunto a tempo debito. Non ho fretta, percorro la mia strada».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400