Cerca

Lecce vicino a Munari Cacìa, strada in salita

Dopodomani si dovranno definire le compartecipazioni e la situazione è ancora all’insegna dell’incertezza per quanto riguarda l’attaccante. Il direttore sportivo Angelozzi è partito alla volta di Milano dove oggi incontrerà i dirigenti del Piacenza nel tentativo di trovare un accordo ed evitare le buste per il calciatore. Accordo che potrebbe concretizzarsi sui due milioni di euro. Esposito tra Roma e Fiorentina
• Gallipoli, Barba chiede aiuto
Lecce vicino a Munari Cacìa, strada in salita
di MASSIMO BARBANO 

LECCE - Per Munari è quasi fatta, mentre è sempre in salita la trattativa per la compartecipazione di Cacia. Dopodomani si dovranno definire le compartecipazioni e la situazione è ancora all’insegna dell’incertezza per quanto riguarda l’attaccante. Ieri sera il direttore sportivo del Lecce Guido Angelozzi è partito alla volta di Milano dove oggi incontrerà i dirigenti del Piacenza nel tentativo di trovare un accordo ed evitare le buste. Un accordo che potrebbe concretizzarsi su una cifra che non vada oltre i due milioni di euro. Ma c’è l’incognita della controparte che potrebbe non accettare e voler andare alle buste. D’altra parte, anche l’eventuale riscatto non sarebbe che la prima fase della definizione del futuro fra il Lecce e Cacia. Infatti, per Cacia si sono fatte avanti alcune società di serie A come il Cagliari e il Chievo Verona e dopo la definizione della comproprietà, potrebbe quindi essere ceduto se manifestasse questa intenzione.

Legata a doppio filo alla vicenda-Cacia è anche la compartecipazione di Tulli (la metà potrebbe quotare intorno ai 700-800mila euro), un attaccante buon colpitore di testa che potrebbe fare comodo in un campionato di serie B dove, per altro, ha già giocato con il Lecce.

Situazione più agevole, come detto, per quanto riguarda Munari. Con il Palermo è stato raggiunto un accordo di massima per il rinnovo della compartecipazione, una formula che lascerebbe il giocatore nella squadra dove ha giocato l’ultima stagione, cioè il Lecce.

Insieme a queste che sono le comparftecipazioni principali, ci sono altri sei giocatori a metà con altre società. Si tratta degli attaccanti Mattioli (in comproprietà col Foggia) e Cozzolino (Cremonese), dei centrocampisti Giorgino (Taranto), Vicedomini (Juve Stabia) e Di Silvestro (Monza) e del difensore Romeo (Varese). Per questi ultimi, le loro chanche di tornare a giocare a Lecce sono soprattutto legate all’anno di nascita. Infatti, in base al regolamento che per la serie B prevede il tetto di 19 giocatori per rosa e ammette deroghe solo per i giovani cresciuti nel vivaio e per quelli delle classi dal 1988 in su, sembrebbero avvantaggiati Di Silvestro e Romeo che sono due classe 1989.

Stesso discorso va fatto per chi rientra per fine prestito. Sono ben 13 i calciatori rientrati alla base. Fra questi c’è anche Diamoutene che però è vicinissimo al Sochaux. Cresciuti nel vivaio sono Agnelli (che torna dal Sorrento), Caccavallo (Celano), Conte (Venezia), Diarra (Bellinzona), Gabrieli (Poggibonsi), Giorgetti (Mezzocorona), Legittimo (Paganese), Mandorino (Celano), Triarico (Crotone), Tundo (mezzocorona).

Oltre a questi rientrano anche Feltscher (Bellinzona) e Vascak (Teplice).

Nel computo dei quattro «fuori lista» concessi oltre ai 19 della rosa rientrano anche il giovane difensore della Primavera Ingrosso, 20 anni, che ha esordito nell’ultima partita di campionato a Genova, oltre agli attaccanti Polutano e Janvier (classe 1990), i difensori Mollestam e Benvenga (classe 1991) e il centrocampista Frontino (classe 1989), tutti già nel giro della prima squadra.

Priorità del mercato sono comunque le cessioni. Un capitolo che ora è fermo, sia per la generale crisi di liquidità che investe un po’ tutti i club, sia perchè si aspetta l’esito delle comproprietà.

Anche la cessione di Zanchetta che sembrava ormai fatta si è arenata per il mancato accordo fra il capitano del Lecce e la Cremonese in merito alla durata del contratto.

Per Esposito si attende sempre un segnale da Roma e Fiorentina mentre sembra che anche Fabiano possa partire richiesto da qualche club di serie A.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400