Cerca

Gallipoli alle prese  con il giallo Zeman

di STEFANO LOPETRONE
Da una parte il presidente Vincenzo Barba è sicuro: «Zeman è un mio obiettivo», ha detto ieri. Dall’altra il diretto interessato, ieri nel Salento per la presentazione del figlio, nuovo allenatore del Maglie in Eccellenza: «Con Dimitri non ho parlato di Gallipoli. Ci siamo visti a cena solo perché siamo vecchi amici. Io al Via del Mare sulla panchina del Gallipoli e contro il Lecce? Per ora è fantacalcio»
• I tifosi gallipolini protestano: vogliamo un nuovo stadio
Gallipoli alle prese  con il giallo Zeman
di STEFANO LOPETRONE 

GALLIPOLI - Ancora poche ore, poi il Gallipoli svolterà. Chiuse le urne del ballottaggio per le Provinciali, Vincenzo Barba si dedicherà al Gallipoli anche dal punto di vista tecnico, dopo essersene interessato soprattutto sul piano organizzativo (l'irrisolta questione stadio). Tra lunedì e mercoledì l’incontro decisivo con il direttore sportivo Luigi Dimitri. Fino ad allora è tempo per le suggestioni più varie, come l’arrivo di un personaggio internazionale come Zdenek Zeman sulla panchina giallorossa. L'incontro di giovedì sera, informale ed interlocutorio, tra Gino Dimitri e il boemo è parso a molti il prologo di un rapporto di collaborazione. Ma anche questa è una situazione indecifrabile. Da una parte il presidente Vincenzo Barba è sicuro: «Zeman è un mio obiettivo», ha detto ieri. Dall’altra il diretto interessato, ieri nel Salento per la presentazione del figlio, nuovo allenatore del Maglie in Eccellenza: «Con Dimitri non ho parlato di Gallipoli. Ci siamo visti a cena solo perché siamo vecchi amici. Io al Via del Mare sulla panchina del Gallipoli e contro il Lecce? Per ora è fantacalcio». Certo, per Barba portare nella Città bella un personaggio internazionale come Zeman sarebbe un grande colpo. In quel modo, anche agli occhi della piazza, compenserebbe in parte la perdita di immagine relativa al trasferimento ormai quasi obbligato al Via del Mare. Dal Foggia dei miracoli all’ultimo Lecce di A convincente (2004/05), la Puglia pare dunque nel destino di Zeman, che sarebbe anche disposto ad accettare il vincolo annuale del contratto, proprio quel che vorrebbe il presidente. Per Barba non sarebbe un ostacolo neppure l’ing aggio dell’ex allenatore di Lazio e Roma (che comunque dopo l’esonero alla Stella Rossa ha bisogno di reinserirsi nel giro): «I soldi non sono un problema», dichiara perentorio il massimo dirigente. «Il mio direttore sportivo ha sondato la disponibilità dell’alle - natore. Zeman è una delle soluzioni di cui parlerò con Dimitri all’inizio della prossima settimana, ma ovviamente dovrò incontrare personalmente anche il tecnico». Nella risposta del petroliere anche una smentita alla presunta crisi con il ds di Calimera. Anche se in effetti un contatto con Gianluca Petrachi, l’ex direttore sportivo del Pisa, Barba ammette di averlo avuto: «Ci siamo visti solo per pochissimi minuti nell’area portuale, ma non abbiamo toccato alcun argomento calcistico». Presidente e direttore sportivo, dunque, si incontreranno all’inizio ella prossima settimana per vagliare le varie soluzioni: oltre a Zeman (che stando alle dichiarazioni del diretto interessato è più «fantacalcio» che realtà), piacciono e sono molto più concrete le piste che portano a Rizzo, Novelli, Lerda. Nel frattempo si è registrato un contatto tra la dirigenza gallipolina e Davide Saverino, centrocampista 32enne, lo scorso anno alla Cremonese, ma dal corposo passato in serie B (Ascoli, Spezia, Venezia e Livorno).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400