Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 22:13

Gallipoli, il rebus  della panchina

di ROBERTO CATALDI
In realtà la società gallipolina è ancora ferma al palo perchè il presidente Vincenzo Barba è ancora impegnato nel turno di ballottaggio delle elezioni provinciali e fino ai primi giorni della prossima settimana non si dovrebbe muovere nulla. Anche il direttore sportivo Gino Dimitri è fermo in attesa di sapere chi guiderà il Gallipoli l’anno prossimo anche se le trattative avviate in questi giorni sono già tante ed alcune di una certa importanza
Gallipoli, il rebus  della panchina
di ROBERTO CATALDI

GALLIPOLI - È tutto fermo in casa del Gallipoli in attesa di conoscere il nome del nuovo allenatore. Finito il legame con Giuseppe Giannini, ormai ad un passo dalla Salernitana, nella città jonica impazza il toto-allenatore. Fonti bene informate dicono che le attenzioni sono rivolte verso il salentino Roberto Rizzo ma che alla fine potrebbe uscire un nome tra Bruno Giordano, che già un paio di anni fa era stato visto a Gallipoli, Gian Piero Ventura che però è ad un passo dalla Triestina. A questa rosa nelle ultime ore si è aggiunto anche quello di Franco Lerda quest’anno sulla panchina della Pro Patria. Non è però neanche da escludere un ritorno di fiamma verso il Principe che tanto bene ha fatto quest’anno conquistando una promozione contro formazioni molto più titolate e attrezzate per ottenere il salto nella serie cadetta. 

In realtà la società gallipolina è ancora ferma al palo perchè il presidente Vincenzo Barba è ancora impegnato nel turno di ballottaggio delle elezioni provinciali e fino ai primi giorni della prossima settimana non si dovrebbe muovere nulla. Anche il direttore sportivo Gino Dimitri è fermo in attesa di sapere chi guiderà il Gallipoli l’anno prossimo anche se le trattative avviate in questi giorni sono già tante ed alcune di una certa importanza. Primo fra tutti c'è un accordo di massima con l’esperto difensore Luigi Panarelli (33) dal Sorrento che verrebbe ben volentieri nel Salento essendo oltretutto originario di Taranto. Un contatto è stato anche avviato con il Bari per l’acquisto del giovane attaccante barese Francesco Caputo (21) che potrebbe arrivare sullo Jonio con la formula del prestito annuale. Attualmente il Gallipoli può contare su solo quattro giocatori legati ancora per un anno alla società gallipolina e precisamente il centrocampista Giuseppe Russo, il fantasista David Mounard, e gli attaccanti Ciro Ginestra e Francesco Di Gennaro. 

Della stagione appena terminata potrebbero però rimanere anche Gegè Rossi, Gaetano Vastola, Andrea Suriano e Paolo Antonioli. Insomma, ad oltre un mese dalla fine del campionato di Prima Divisione, è ancora tutto in alto mare anche perchè il programma della prossima stagione è condizionato da dove si dovranno andare a giocare le partite casalinghe. Se si dovesse giocare tutto l’anno al «Via del Mare» di Lecce invece che all’«Antonio Bianco» di Gallipoli è fuori di dubbio che il programma dovrebbe subire un forte ridimensionamento considerato il grave danno economico ma in questo caso non è neanche da escludere che Barba getti la spugna. In città però questa eventualità non viene neanche presa in considerazione perchè l’attaccamento che il numero uno giallorosso ha dimostrato verso la squadra della sua città è stato sempre tanto e quindi alla fine dovrebbe costruire una formazione in grado di ben figurare nel primo campionato di B del Gallipoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione