Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 00:35

Bari, il giorno di Barreto e Obodo

di FABRIZIO NITTI 
Oggi Perinetti incontra i dirigenti dell’Udinese. Ma altro bolle in pentola. Dall’incontro con i friulani potrebbe venir fuori anche altro: Langella o Pinzi, per esempio. Buscè resta la pista più battuta per il ruolo di esterno. La rosa friulana è vasta (molti i calciatori rientrati alla base) ed anche appetibile per le esigenze baresi e considerato il buon rapporto che lega Perinetti al club dei Pozzo, altro si potrebbe pescare
Bari, il giorno di Barreto e Obodo
di FABRIZIO NITTI 

BARI - Può essere il giorno di Obodo e Barreto. Oggi il direttore sportivo Giorgio Perinetti volerà a Roma per incontrare i dirigenti dell’Udinese e provare a srotolare definitivamente la matassa. La sensazione è che Perinetti parta per il summit con molte chances di riuscita. Meglio essere cauti, visto che il calciomercato propone trappole un po’ dapper tutto e ciò che è certo oggi non lo è più domani. Ad ogni modo, sia l’attaccante brasiliano, grande protagonista della promozione del Bari con 23 reti, che il centrocampista nigeriano, sono vicinissimi a vestire la maglia della squadra di Conte. Il sudamericano tornerebbe in Puglia con la formula della comproprietà e, soprattutto, con la testa sgombra da pensieri. Per il centrocampista centrale, anche nazionale nigeriano, l’opzione sarebbe quella del prestito. Ma secondo quanto lasciato intendere da Perinetti, con l’Udinese (dove dovrebbe rientrare in friuli Salvatore Masiello, messo fuori rosa dal tecnico biancorosso alla fine del gennaio scorso) i discorsi non si chiuderebbero a questi due giocatori. La rosa friulana è vasta (molti i calciatori rientrati alla base) ed anche appetibile per le esigenze baresi e considerato il buon rapporto che lega Perinetti al club dei Pozzo, altro si potrebbe pescare. Alla voce esterni di centrocampo, risponde il nome di Antonio Langella, classe 1977, napoletano, reduce dalla miracolosa salvezza con il Chievo, dove ha collezionato 22 presenze e due reti. Il cartellino dell’esterno (gioca su entrambe le fasce, caratteristica che ben si sposa con il modulo di Conte) è di proprietà dell’Udi - nese, che non pare avere molta intenzione di tenerlo alla base. L’altro calciatore bianconero sul quale potrebbero poggiarsi le attenzioni del Bari è Giampiero Pinzi (1981), centrocampista centrale, con propensione offensiva e laterale. Anch’egli fra i protagonisti della rincorsa del Chievo di Di Carlo, dove ha giocato in prestito (il Chievo non ha riscattato la metà del cartellino). Ma una pista molto battuta, per quanto riguarda il ruolo di esterno di centrocampo, è quella di Antonio Buscè, esperto centrocampista dell’Empoli (è un classe 1975), in grado di coprire la fascia agendo sia da terzino che da esterno più alto. Il calciatore napoletano interessa parecchio e la mancata promozione in A della formazione toscana giocherebbe a favore del club di Matarrese. Una pedina più facile da raggiungere rispetto alle altre. Difficile, invece, prevedere accelerazioni in un colpo solo per quanto riguarda il reparto offensivo, senza dimenticare che il Bari è anche alla ricerca di un difensore centrale «titolare» oltre che di numerosi altri tasselli per completare il mosaico. Le quotazioni appiccicate a molti attaccanti, ora come ora, sembrano davvero eccessive. E se Meggiorni si è molto allontanato (la destinazione più probabile pare l’Atalanta), per Brienza il Bari ha deciso di attendere che il presidente reggino Foti abbassi il prezzo di un calciatore sì bravo, ma reduce da una stagione non brillante e da una retrocessione in B. Riscattato Kutuzov dal parma, praticamente ripreso Barreto, il Bari deve completare il reparto acquisendo almeno altre due pedine. In lista d’attesa ci sarebbe sempre Maccarone, che con il Siena ha intenzione di troncare soprattutto se sulla panchina bianconera resterà Giampaolo. Fra i due non è coprso buon sangue nell’ultima stagione, facile prevedere una separazione. E in quel caso Perinetti sarebbe pronto con la rete ben tesa...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione