Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 22:51

Bari, si apetta solo  l'ok di Matarrese

di FABRIZIO NITTI
Perinetti ha illustrato al massimo dirigente biancorosso tutti i progressi compiuti sul piano delle trattative. Sul tavolo nomi, cifre, ingaggi, alternative nel caso non fosse possibile arrivare agli obiettivi prestabiliti a causa di inserimenti dell’ultima ora da parte di altre società. E il presidente ha preso nota, ben consapevole che il Bari così come è messo, ha bisogno di «pesanti» innesti per elevare il tasso qualitativo di una rosa che in B ha dominato, ma in A incontrerebbe difficoltà
• Conte & C, vacanza da serie A per tutti
Bari, si apetta solo  l'ok di Matarrese
di FABRIZIO NITTI

BARI - Comincia a prendere forma il Bari che verrà? Vincenzo Matarrese e Giorgio Perinetti si sono incontrati ieri per fare il punto della situazione, tirare un po’ le somme di tutti i contatti posti in essere dal direttore sportivo nelle settimane precedenti. Il presidente e il direttore sportivo si sono visti nel primo pomeriggio, decidendo poi di proseguire il faccia a faccia a cena e infine questa mattina al San Nicola. Perinetti ha illustrato al massimo dirigente biancorosso tutti i progressi compiuti sul piano delle trattative. Sul tavolo nomi, cifre, ingaggi, alternative nel caso non fosse possibile arrivare agli obiettivi prestabiliti a causa di inserimenti dell’ultima ora da parte di altre società. E il presidente ha preso nota, ben consapevole che il Bari così come è messo, ha bisogno di «pesanti» innesti per elevare il tasso qualitativo di una rosa che in B ha dominato, ma in A incontrerebbe difficoltà. Come detto dal «d.s.» nei giorni scorsi, dovrebbero essere almeno dodici gli uomini da inserire nel nuovo mosaico riaffidato a Conte. 

Andrà quindi affrontata una «buona» spesa sul mercato per garantire quei giocatori in grado di sposare il credo tattico di Conte. Perinetti, in buona sostanza, chiede a Matarrese il «pass» per gettarsi definitivamente nel mercato e chiudere le trattative da tempo avviate. Il direttore sportivo si tratterrà a Bari fino a domattina, dopo si imbarcherà per Milano con la «benedizione» di Matarrese. Radio-mercato, intanto, avvicina sempre di più il laziale Cribari al club biancorosso. Ci sarebbe stato infatti un primo approccio con il procuratore dello stopper brasiliano, ma con doppio passaporto. Difficile quantificare l’offerta barese, ma pare che il calciatore, messo comunque in lista di partenza da Lotito, sia assai tentato dalla proposta pugliese. È in scadenza di contratto nel 2010, alla Lazio percepirebbe un ingaggio di 400 mila euro. Il sudamericano sarebbe il centrale collaudato che andrebbe a rinforzare il reparto difensivo: ventinove anni, in Italia dalla stagione 1998-1999, carriera spesa fra A e B con Empoli, Udinese e Lazio. A proposito di Empoli. La mancata promozione in serie A della formazione toscana potrebbe essere la spinta giusta per dirottare a Bari l’esterno di fascia destra Antonio Buscè, classe 1975, napoletano. Oltre alla soluzione della «questione» Barreto, le altre finestre aperte restano le solite: Brienza, Meggiorini, Obodo, Maccarone, Diamoutene, Abate, Cerci. E c’è poi da sistemare il capitolo riguardante il portiere: dopo il no a Fontana la caccia è ripartita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione