Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 06:04

La Medical Center Potenza non rinuncia ai sogni di gloria

Dopo essere arrivata ad un passo dal gran balzo nella serie superiore sul campo, cedendo solo nella serie di finalissima playoff alla pallavolo Anagni, ora spera in un possibile ripescaggio in serie B1 maschile di pallavolo. Il ds Crichigno: Le probabilità sono alte ma la federazione deciderà sulle regole soltanto dopo il 7 luglio, quando si chiuderà il “mercato” dei titoli. Noi siamo fiduciosi»
La Medical Center Potenza non rinuncia ai sogni di gloria
di Giovanna Laguardia

POTENZA - Non rinuncia al «sogno» della serie B1 la Virtus Medical Center Potenza che, dopo essere arrivata ad un passo dal gran balzo nella serie superiore sul campo, cedendo solo nella serie di finalissima playoff alla pallavolo Anagni, ora spera in un possibile ripescaggio.

Nonostante la delusione finale per non essere riusciti a compiere quell’ultimo passo verso la B1, comunque, il bilancio della stagione è positivo. Molto soddisfatto il presidente della società potentina, Mancino, così come la soddisfazione è tangibile nelle parole del direttore sportivo, Piero Crichigno: «Siamo andati al di là delle più rosee aspettative di inizio stagione - commenta, visto che il nostro obiettivo, all’inizio era quello di arrivare il più in alto possibile, magari a lottare per i playoff. Poi, per nostri meriti, ci siamo tolti tante soddisfazioni e siamo arrivato secondi nel campionato».

Dopo un buon girone di andata, con la Virtus Medical Center è letteralmente esplosa nel girone di ritorno, dove non solo ha vinto 13 partite consecutive (diventate 15 con le semifinali playoff), ma ha perso soltanto un punto di quelli disponibili, quando è stata «frenata» sul 3-2 dall’Eurotec Gela, il 4 aprile scorso. «È vero - dice Crichigno - siamo esplosi nella seconda metà del campionato, forse perché in quella nfase gli ingranaggi erano ben oliati e abbiamo trovato una quadratura migliore della squadra, con Zuccaro tornato al suo ruolo naturale e dopo l’uscita dalla squadra per motivi personali del libero Sergio, sostituito dal secondo palleggiatore Cavaccini. Sarà un caso, ma la storia di ce che con questo cambiamento la squadra ha girato a mille, tanto che pensiamo di confermarlo anche il prossimo anno».

E, a proposito della stagione 2009/2010, la Virtus, che, anche se non c’è ancora nulla di ufficiale, dovrebbe essere targata di nuovo Medical Center, non ha alzato bandiera bianca per quanto riguarda i sogni di B1. «Le probabilità di un ripescaggio sono alte ma, spiega Crichigno - la federazione deciderà sulle regole soltanto dopo il 7 luglio, quando si chiuderà il “mercato” dei titoli. Noi siamo fiduciosi, quindi in questo mese lavoreremo per mettere su una squadra che possa farci fare il salto in B1 o che, in caso di ripescaggio, ci possa permettere un campionato dignitoso. Come società ci sentiamo pronti ad affrontare l’avventura nella serie superiore e credo che sarebbe una bella cosa per tutti gli sportivi della regione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione