Cerca

Vela, Brindisi-Corfù stravinta da «Gaios»

L'imbarcazione del Cus Bari, degli armatori Amoroso e De Vanna, ha conquistato il primo posto nella classifica Orc “Overall” e, pertanto, ha vinto la XXIV regata internazionale. Fiumi di ouzo alla grande festa organizzata per la premiazione e svoltasi al Marina di Gouvia, nel cui porticciolo ci sono tutt’ora centinaia e centinaia di imbarcazioni talmente belle da far invidia al più importante Salone della nautica
Vela, Brindisi-Corfù stravinta da «Gaios»
di Franco De Simone

MARINA DI GOUVIA - “Gaios”, imbarcazione del Cus Bari, degli armatori Amoroso e De Vanna, ha conquistato il primo posto nella classifica Orc “Overall” e, pertanto, ha vinto la XXIV Regata internazionale Brindisi-Kerkira.

Fiumi di ouzo, ieri sera, alla grande festa organizzata per la premiazione e svoltasi al Marina di Gouvia, nel cui porticciolo ci sono tutt’ora centinaia e centinaia di imbarcazioni talmente belle da far invidia al più importante Salone della nautica che possa essere organizzato in Europa. Migliaia e miglia di euro… gettati in acqua.

Questa lo scenario che ha fatto dacornice alla festa. I protagonisti, naturalmente, tutti gli equipaggi che hanno partecipato alla regata internazionale. Sin dalle prime ore di ieri, skipper ed equipaggi hanno passeggiuata in lungo e largo sui moli del Marina di Gouvia, tutti in attesa delle classifiche. Un pazzesco, variopinto andirivieni. Equipaggi con indumenti rigidamente firmati, hanno fatto comunella al bar del Marina, dove un paio di ragazze greche, in pantaloni aderentissimi e magliette corte e stretta al punto «da far immaginare tutto» (per dirla con... Baglioni), hanno servito gran quantitativi di caffè e birre.

C’erano gli equipaggi brindisini che discutevano animatamente maledicendo Eolo che aveva fatto loro “scoppiare” lo speenaker; ma, c’erano anche i gruppetti dei “soliti noti”, una volta marinai di una barca che ha fatto scrivere un po’ la storia della regata ma oggi fantastici perditempo, impegnati a tessere le virtù di ristoranti scoperti da loro dove si paga pochissimo e si mangia benissimo. C’era anche un noto personaggio di uno dei due circoli brindisini che fungeva da spartiacque, nel senso che lì dove s’avvicinava lui scappavano inspiegabilmente tutti; ma c’erano tante, ma davvero tante… accompagnatrici, anche loro, per essere a la page, vestite (si fa per dire), con abbigliamento sportivo firmato, naturalmente coloratissimo. Un tocco di colore nel colore.

Si spande la voce che un equipaggio ha, come dire, un po’ barato, montando un accorgimento tecnico capace di far aumentare la velocità della barca. Solo che, alle sue spalle, aveva una imbarcazione greca che, non appena a terra, si è premurata di segnalare la cosa. Conclusione, penalizzazione dell’imbarcazione e inevitabile retrocessione nella classifica generale.

A proposito: in sede di presentazione s’era detto di una barca di sole donne, tutte salentine. “Ustasi”, questo il nome dell’imbarcazione, da gran maschilista qual è, ha tirato un terribile scherzo alle nuove argonaute, facendole giungere ultime al traguardo di Kassiopi. Poco male, loro si sono rifatte dando sfogo al loro appetito e smaltendo quanto conservato nella kambusa. La Brindisi-Kerkira è anche questo.

Ed ora, al Circolo della Vela Brindisi si prepara il grande appuntamento con il Mondiale: il Campionato del Mondo di vela d’altura, in programma dal 5 all’11 luglio , organizzato dal Circolo della Vela Brindisi, presieduto da Livio Georgevich. Un altro grande appuntamento, il primo che si tiene sulle acque dell’Adriatico, un premio per il Circolo brindisino per l’ottima organizzazione che sa dare alle manifestazioni finora organizzate.

Classifiche: “Holiday”, sul podio, nell’ordine sono salite: “Heraklea” (CV Ondabuena Taranto), “10yearsafter” (Mornar Bar Montenegro), “Calamatana” (La Lampara, Santa Caterina di Nardò; classifica “Holiday Sprint”: 1. “Gaios”, 2. “Galana River”, 3. “Jonica”; Classifica Classe 1-2: 1. “First Flight”, 2. Shaula”, 3. Blu Fantasia (unico equipaggio brindisino sul podio); Classifica Classe 3-4-5: 1. “Spirit of red mullet”, 2. “Xblu”, 3. “Petite Princesse”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400