Cerca

Basket, Bisceglie può brindare al salto nella serie B Dilettanti

Colpo definitivo dei baresi in gara 4 della finale playoff della C Dilettanti di basket maschile. Non ce l'ha fatta la Due Esse Martina a pareggiare il conto pur andandoci vicina ancora una volta (70-72) e riuscendo a recuperare dopo un avvio deciso del Bisceglie, che ha reagito con grande determinazione ad un infortunio a Gramajo dopo 4'. Dopo partita «violento» dei tifosi
Basket, Bisceglie può brindare al salto nella serie B Dilettanti
di PASQUALE D'ARCANGELO 

MARTINA - Non ce l'ha fatta la Due Esse a pareggiare il conto. Eppure c'è andata vicina ancora una volta (70-72), riuscendo a recuperare dopo un avvio deciso del Bisceglie, che ha reagito con grande determinazione ad un infortunio a Gramajo (re dei playoff con 58 punti nelle prime 3 partite), costretto a lasciare dopo appena 4'. Una serata memorabile di Nardin (29 punti, 4/4 da 2, 12/12 dalla lunetta, realizzando addirittura 1 punto più del suo bottino complessivo nelle altre tre partite) ha fatto tramontare il sogno del Martina, che ha mal sopportato i festeggiamenti del Bisceglie dopo la partita, invadendo il campo e provocando una rabbiosa ma squallida maxi-rissa, controllata con difficoltà dalle forze dell'ordine, dai dirigenti e dai giocatori della Due Esse, rientrati frettolosamente dallo spogliatoio per salutare il pubblico e raccogliere quantomeno un meritato applauso dei duemila sostenitori bluarancio, accorsi in massa al PalaWojtyla per sostenerli con il consueto calore nella missione più difficile della stagione. 

Eppure il testa a testa con il Bisceglie avrebbe meritato un migliore epilogo per la squadra di Terruli e del patron Scatigna, malgrado l'amarezza per la sconfitta e l'insolita rabbiosa reazione del dopo-partita da parte delle frange, meno abituate ai palazzetti. Non è bastato neppure il coraggioso inserimento di Cantelli, preferito da Terruli a Piscitelli come terzo lungo dopo cinque mesi di assenza, per sorprendere la squadra di Ciraci, confermatasi la prima del torneo anche in questi playoff, nonostante quattro sfide punto a punto. Non sono bastati neppure le discrete prestazioni degli italo-argentini Raffaelli (23) e Leo Mauti (16), che assieme a capitan Parisi hanno assicurato un congruo bottino di 11 triple. Bisceglie si è messo subito avanti (13-19 al 10', 33-44 al 20'), riuscendo a respingere tutti i tentativi del Martina di recuperare (44-48 al 25' con un poderoso 11-4 dopo l'intervallo e ancora 70-72 al 37' con un altro pesante 8-2). 

I poco sportivi tafferugli del dopo-partita infatti non possono cancellare la brillante stagione della Due Esse, che non è riuscita ad arrivare sino in fondo, perdendo l'opportunità della bella di 5 a Bisceglie con il rischio di qualche spiacevole provvedimento disciplinare per una rabbiosa reazione ad una sconfitta che ci sta tutta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400