Cerca

Pallamano Conversano un'autentica rivoluzione

Le polemiche susseguenti al deludentissimo epilogo di campionato (scudetto vinto da Casarano) hanno aperto la strada a soluzioni nuove e interessanti, sia al timone societario, sia per la guida tecnica ed anche, ovviamente, nel roster. Dopo le dimissioni presentate da Vito Scisci è ora Vito Stefano Latela a reggere le sorti della dirigenza biancoverde
Pallamano Conversano un'autentica rivoluzione
CONVERSANO - Si prepara un’autentica rivoluzione per la Pallamano Conversano. Le polemiche susseguenti al deludentissimo epilogo di campionato hanno aperto la strada a soluzioni nuove e interessanti, sia al timone societario, sia per la guida tecnica ed anche, ovviamente, nel roster. Dopo le dimissioni presentate da Vito Scisci è ora Vito Stefano Latela a reggere le sorti della dirigenza biancoverde, per una presidenza dichiarata interlocutoria ma che molti si augurano definitiva, per la serietà e l’antica militanza sportiva del massimo dirigente.

Per quel che riguarda lo staff tecnico, salutato lo svedese Svensson, sarà il marchigiano Riccardo Trillini, ex Teramo ed Ancona, a guidare dalla panchina la formazione pugliese nel prossimo massimo campionato. Una scelta valida ma non senza rischi per il sodalizio barese, per un allenatore italiano giovane, preparato, che cura molto la parte atletica e la velocità di gioco, ma senza alcuna esperienza a grandi livelli.

Fiducia, dunque, e grandi aspettative per un anno che vuol essere di riscatto per la Pallamano Conversano. Anche nella rosa ci saranno grosse novità. Con la partenza del capitano Fantasia verso Noci, il ruolo di pivot è stato immediatamente affidato all’ottimo Eduardo Arcuri, argentino naturalizzato già campione d’Italia col Casarano, di ritorno dall’esperienza portoghese. Il giovane colosso, lungamente corteggiato anche negli scorsi mesi, potrebbe far coppia con il conversanese Minunni o con l’italo-argentino Buffa del Casarano.

Per rimanere nell’alveo delle trattative, ancora, dalla Spagna è giunta in queste ore la soffiata relativa all’acquisto dal Realitas BM Guadalajara (serie B) del portiere argentino Cristian Canzoniero, suggerito dall’ex tecnico biancoverde Bolea. L’estremo difensore dovrebbe sostituire il montenegrino Doknic, già beniamino del pubblico di casa ma fortemente contestato dopo la pessima figura della finale playoff. In piedi, infine, anche l’approccio a due ali argentine, con Vainstein e Napoleone in forse, mentre ancora tutte da verificare sono le conferme dei cubani Pavan e Capote, tentati dalle sirene spagnole.
[a.r.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400