Cerca

Piscopo, profumo d’azzurro con la Polonia esame decisivo

Il ventiseienne centrale di Morciano di Leuca in forza all’Itas Diatec Trentino campione d’Europa e vice campione d’Italia inizia ufficialmente l’avventura con la Nazionale in vista della World League e degli Europei di pallavolo maschile. Il gigante salentino fa parte dei 16 atleti convocati dal ct Anastasi per affrontare le due attese manifestazioni. «La concorrenza è agguerrita, ma voglio esserci agli Europei»
• Petrauskaite alla Florens Castellana
Piscopo, profumo d’azzurro con la Polonia esame decisivo
di ANTONIO CALO’

LECCE - Per Marco Cosimo Piscopo, ventiseienne centrale di Morciano di Leuca in forza all’Itas Diatec Trentino campione d’Europa e vice campione d’Ita - lia, ieri, a Mantova, è iniziata ufficialmente l’av - ventura con la Nazionale in vista della World League e degli Europei. Il gigante salentino fa parte dei 16 atleti convocati dal commissario tecnico Andrea Anastasi per affrontare le due attese manifestazioni.

«L'annata da poco terminata a livello di club è stata durissima - afferma Piscopo - L'Itas Diatec Trentino ha lottato sino in fondo in Champions League e nel campionato italiano, con un enorme dispendio di energie psico-fisiche. Alla Nazionale, però, tengo in maniera particolare e così ben venga una lunga estate sempre sulla corda».

Giovedì prossimo, a Mantova, l’Italia affronterà in amichevole la Polonia, sostenendo l’ultimo test prima dei match che contano. Venerdì 12 giugno, a Verona, gli azzurri disputeranno la prima gara della fase preliminare della World League, contro la Cina. Marco Cosimo Piscopo spera di essere protagonista. «La concorrenza è agguerrita - sottolinea -. Dovrò fare i conti con centrali del calibro di Giorgio De Togni, Francesco Fortunato, Andrea Sala e, quando si riprenderà dall’infortunio, con Emanuele Birarelli, mio compagno di team a Trento. L’obiettivo, però, è quello di dare il massimo in allenamento per convincere il commissario tecnico Andrea Anastasi a schierarmi. Sarebbe bello impreziosire la stagione conquistando un alloro con l’Italia dopo avere vinto la Champions con l’Itas Diatec».

Piscopo considera in termini ampiamente positivi l’annata 2008/2009 vissuta con il proprio club. «A Trento ho primeggiato in Coppa Campioni, ho disputato la finale ad otto di Coppa Italia ed ho giocato la finale scudetto - sostiene l’atleta salentino - L'unico rammarico è legato alla mancata conquista del triangolino tricolore, perso nella «bella» contro Piacenza, dopo essere stati avanti per due set a zero. I nostri rivali si sono espressi alla grande, ma nel tie-break l’arbitraggio ha lasciato parecchio a desiderare. E’ inutile, comunque, guardare indietro. Ora sono concentrato sugli impegni con la Nazionale».

Il futuro di Piscopo a livello di club non è ancora deciso. «Ho un altro anno di contratto con l’Itas Diatec Trentino - dice il centrale di Morciano di Leuca - Non è affatto scontato, però, che resti. Affronterò presto l’argomento con i miei dirigenti e verificheremo le reciproche aspettative. Ho ricevuto offerte interessanti da Treviso, Latina, Montichiari e Vibo Valentia. Inoltre, qualcos'altro potrebbe saltare fuori nelle prossime settimane, quando il mercato entrerà nel vivo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400