Cerca

Manfredonia verso i playout in arrivo la resa dei conti

Nonostante il gran caldo continui a farla da padrone, i sipontini continuano regolarmente la preparazione in vista del doppio confronto con l’Isola Liri per evitare la retrocessione in serie D. Il tecnico D’Arrigo pensa soprattutto a tenere tutti sulla corda e agli aspetti tattici, in particolare le fasi di gioco in chiave difensiva e le palle inattive. Domenica 31 la gara di andata
Manfredonia verso i playout in arrivo la resa dei conti
di MICHELANGELO GUERRA

MANFREDONIA - Nonostante il gran caldo continui a farla da padrone, in casa del Manfredonia continua regolarmente la preparazione in vista del doppio confronto con l’Isola Liri. Ieri, infatti, la squadra bianco-celeste ha sostenuto e vinto per 18-0 il programmato test amichevole contro la formazione di dilettanti dell’Atletico Vieste appunto per simulare una partita vera. Una valanga di gol, si diceva, per Cerchia e compagni a testimonianza di quanta voglia di correre e sudare abbiano ancora da mettere sul campo, contraddistinta dalle quattro reti firmate da Romano, le tre di Patti, le doppiette di Marchano e quella a testa firmata da Schettino, Vitiello, Giglio, Cerchia, Napoli, Sifonetti ed Arigò.

Pochissime invece le indicazioni per quella che potrebbe essere la formazione titolare per il turno di andata, ma non c'è stata alcuna pretattica perchè il tutto risulta in perfetta sintonia con quanto solitamente ha proposto il tecnico toscano anche durante il campionato. D’Arrigo in attacco ha infatti alternato con le varie spalle Marchano e Romano senza però farli giocare insieme. Come pure in difesa non si è visto insieme il quartetto composto da Bortel e Patti sulle corsie esterne e Nossa e Parisi, centrali. L’unico reparto - ma solo nel secondo tempo - in cui hanno giocato insieme i probabili titolari è stato il centrocampo con Arigò e Sifonetti, esterni offensivi, e Cerchia e Pirrone, centrali.

Questo per dire che più di ogni altro aspetto D’Arrigo ha pensato sopra tutto a fronteggiare e creare situazioni diverse come se di fronte ci fosse davvero l’Isola Liri, un avversario che verosimilmente giocherà con lo stesso modulo (4-4-2) ed è quindi logico aspettarsi tanti uno contro uno, duelli che altrettanto chiaramente risulteranno forse decisivi sul risultato finale.

Risulta anche fin troppo evidente l’intento del trainer toscano di tenere tutti sulla corda ed allo stesso tempo dedicare un tempo sufficiente agli aspetti puramente tattici, in particolare le fasi di gioco in chiave difensiva e le palle inattive, situazioni che in passato molto spesso sono state il vero e proprio tallone d’Achille della formazione nipotina adesso giunta agli scontri finali in cui deve essere eliminato anche il più insignificante degli errori.

Adesso il gruppo si riposerà per due giorni interi tant'è che l’appuntamento per la ripresa degli allenamenti è già stato fissato al Miramare laddove la squadra si allenerà fino a mercoledì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400