Cerca

Il Bari non si risparmia battuto 4-1 il Modena

Nella quarantesima giornata della serie B di calcio, i biancorossi non hanno pietà delle condizioni di classifica degli avversari. Emiliani tramortiti già nel primo tempo da Guberti (12'), Lanzafame (28') e Kutuzov (44'). Momentaneo 2-1 di Bruno (42'). Nella ripresa arriva anche il gol su rigore di Barreto (67'). La squadra di Conte verso la conquista matematica del primo posto: servono altri due punti nelle ultime due partite
• I risultati: Cittadella-Parma 2-2
• La classifica: gli emiliani in A
• I cannonieri: Barreto, 21° gol
• Il prossimo turno: Salernitana-Bari
Il Bari non si risparmia battuto 4-1 il Modena

BARI-MODENA 4-1 (3-1 nel primo tempo)

Bari (4-4-2): Gillet, Masiello, Ranocchia, Stellini, Parisi, Lanzafame (11' st Bianco), De Vezze (23' st Bellomo), Gazzi, Guberti (1' st Galasso), Kutuzov, Barreto. (72 Santoni, 29 Colombo, 15 Galano, 33 Bonomi). All.: Conte.

Modena (3-4-1-2): Castelli, Diaguraga, Gozzi, Perna (5' st Gemiti), Giampà, Bolano, Troiano, Tamburrini (21' st Frezzolini), Pinardi, Catellani (35' Biabiany), Bruno. (21 Ricchi, 31 Amerini, 17 De Oliveira, 33 Cardone). All.: Apolloni.

Arbitro: Velotto di Grosseto.

Reti: nel pt 12' Guberti, 28' Lanzafame, 42' Bruno, 44' Kutuzov; nel st 22' Barreto (rigore).

Angoli: 3-3.

Recupero: 2' e 0.

Ammoniti: Guberti, Lanzafame per gioco non regolamentare.

Espulso: al 19' st Castelli per gioco scorretto.

Spettatori: 16mila.

Note: ha esordito in B Bellomo (Bari), classe '91.


BARI – Il Bari disintegra al San Nicola il Modena, inanella l’undicesima vittoria interna e mette una ipoteca virtuale sul primo posto nel torneo, compromettendo ulteriormente la classifica degli emiliani che scivolano al terz'ultimo posto. Conte, pur con ben cinque indisponibili (Donda, Rivas, Esposito, Edusei, Kamata), non rinuncia a modulo e mentalità offensiva, così fin dai primi minuti emerge chiara la differenza sia tecnica sia di organizzazione tra le due squadra in campo.

I pugliesi spingono con grande intensità e trovano varchi soprattutto nella zona centrale. Lanzafame e Guberti mettono alle corde i rispettivi marcatori, De Vezze e Gazzi blindano il centrocampo, costringendo sulla difensiva Bolano e Troiano. I canarini cercano con insistenza la testa di Bruno (troppo solo in avanti), ma Stellini e Ranocchia sono molto attenti nelle chiusure.

Dopo nemmeno un quarto d’ora, il Bari sgretola la resistenza avversaria: azione in velocità Barreto-Lanzafame-Masiello, con deviazione vincente di Guberti sul cross dalla destra del terzino. La pressione dei pugliesi è costante e al 28' Lanzafame raddoppia con un gol d’autore. Sotto di due reti il Bari dilaga e Apolloni prova a mettere brio nella manovra d’attacco inserendo Biabiany (tra i migliori) per Catellani. Gozzi salva sulla linea una botta di Lanzafame. Nel finale due fiammate, una per parte: Biabiany semina Parisi, lancia in area Bruno che supera Ranocchia e accorcia le distanze. Nel finale il Bari segna il terzo gol con una rapida combinazione Guberti-Barreto conclusa in rete da Kutuzov.

Nella ripresa gli equilibri in campo restano gli stessi, con gli emiliani schiacciati nella propria area di rigore. Al 19' Castelli atterra in area Barreto e Velotto lo espelle. Dal dischetto il brasilaino mette a segno il ventunesimo centro stagionale. La gara sostanzialmentene si chiude qui, anche se nel finale Barreto e compagni potrebbero dilagare. E alla fine c'è spazio per la festa dei giocatori sotto la curva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400