Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 07:54

La Prisma riparte in A1 dall'allenatore Montagnani

Arriva dalla Toscana l’allenatore del nuovo corso del Taranto Volley. Livornese, classe 1968, è uno dei tecnici emergenti sui quali si erano poggiati gli occhi del maggior numero di società di A1. Ma alla fine se lo è assicurato il club rossoblu che lo ha ingaggiato dopo la buona stagione trascorsa alla guida di Pineto con cui ha centrato la salvezza. La squadra torna al Palafiom di Taranto
La Prisma riparte in A1 dall'allenatore Montagnani
TARANTO - Arriva dalla Toscana l’allenatore del nuovo corso della Prisma Taranto Volley. Livornese, classe 1968, Paolo Montagnani è uno dei tecnici emergenti sui quali si erano poggiati gli occhi del maggior numero di società di A1. Ma alla fine se lo è assicurato il club rossoblu che lo ha ingaggiato dopo la buona stagione trascorsa alla guida di Pineto con cui ha centrato la salvezza. «Si è vero - conferma il nuovo tecnico della Prisma - ho avuto contatti con alcuni grossi club di serie A e ciò mi rende orgoglioso. Significa che il mio lavoro a Pineto è stato apprezzato. Ma il presidente Bongiovanni devo dire che è stato il primo a contattarmi, attraverso il diesse De Patto con il quale ho lavorato bene la scorsa stagione. La Prisma ha creduto in me da subito. Io mi sono preso qualche giorno per valutare attentamente le offerte, decidendo poi di lavorare con grande entusiasmo in Puglia».

Montagnani è stato anche assistente di Gulinelli a Latina nella stagione 2007-08 ed ancora prima aveva esordito come primo allenatore a Livorno in B2. Da giocatore ha ricoperto il ruolo di palleggiatore con buoni trascorsi in A2 (Livorno, Parma, Torino, Cagliari, Cosenza) ed u n’esperienza nel massimo campionato con la Mediolanum Milano agli inizi degli anni '90. E tocca già il discorso mercato: «Per attuare il progetto che ho in testa - spiega - c'è bisogno di gente che fisicamente stia bene e sia in grado di lavorare subito bene. Sarà importante che la squadra abbia presto una sua fisionomia che parta dalla compattezza del gruppo. Come a Pineto voglio un team battagliero, competitivo, in grado di giocarsela con tutti».

«Inoltre - aggiunge - puntiamo ad assicurarci subito la diagonale palleggiatore-opposto, a seguire un forte schiacciatore di posto quattro; il resto verrà a ruota». Nomi ancora non se ne fanno, ma in occasione del match di campionato in cui la Prisma vinse in casa 3-2 contro Pineto, Gigi Mastrangelo parlò bene di Montagnani. Ciò potrebbe significare la riconferma del centrale di Mottola. Inoltre è sempre più concreta la possibilità che la squadra torni a giocare al PalaFiom. Lunedì, infine, Montagnani sarà presentato alla stampa. [a.lor.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione