Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 02:31

Il Bari in serie A festa indimenticabile

di MICHELE MAROLLA
La Bari è in serie A. Adesso, dopo la squadra di calcio, tocca a tutta la città, ai baresi, alla loro classe dirigente. La marea di persone che si è riversata in corso Vittorio Emanuele aveva voglia di divertirsi, di festeggiare, di osannare i suoi eroi. Ma aveva anche voglia di dire che ci siamo, che ora non vogliamo e non possiamo fermarci. Voleva affermare con forza che la serie A non può valere soltanto per la squadra. Questa città, questo territorio, devono finalmente spiccare il volo, non possono rimanere sempre «sul punto di...»
• Delirio per festeggiare la A
• Oltre centomila persone per la festa
• Matarrese: «Il sogno è diventato realtà»
• Conte: «Giornata indimenticabile»

Il Bari in serie A festa indimenticabile

La Bari è in serie A. Adesso, dopo la squadra di calcio, tocca a tutta la città, ai baresi, alla loro classe dirigente.

La marea di persone che si è riversata in corso Vittorio Emanuele aveva voglia di divertirsi, di festeggiare, di osannare i suoi eroi. Ma aveva anche voglia di dire che ci siamo, che ora non vogliamo e non possiamo fermarci. Voleva affermare con forza che la serie A non può valere soltanto per la squadra. Questa città, questo territorio, devono finalmente spiccare il volo, non possono rimanere sempre «sul punto di...».

La serie A del calcio è l’occasione migliore che possa accadere. Ed è capitata nel momento giusto: alla vigilia di una campagna elettorale che finora è vissuta su piccoli dispetti, sgambetti, polemiche di profilo non particolarmente elevato, slogan (molti brutti, pochi belli).

Adesso è l’ora di fare il salto di qualità, di seguire l’esempio della squadra, di ingranare la marcia giusta per proseguire il cammino dello sviluppo, con programmi chiari e soprattutto con la capacità di essere visionari. Servono cioè una classe politica e dirigente in grado di guardare al futuro, di avere una visione in grado di anticipare le linee dello sviluppo, di individuare i bisogni e le soluzioni per costruire un percorso da serie A.

Tocca ora a chi si è candidato alla guida di questa città e di questa provincia individuare un percorso di profilo più alto, impegnarsi in un confronto leale, trasparente e costruttivo, nell’interesse di tutti. Anche nel loro interesse di leader di una Bari da serie A.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione