Cerca

Brindisi, è qui la festa si attende la promozione

di BRUNO STASI
Fervono i preparativi nelle sedi dei club del tifo in vista della gara di domenica contro il Matera. Potrebbe essere il turno del salto in Seconda Divisione di calcio. A condizione che la Nocerina (che dovrà fare a meno dell’attaccante Babatunde, squalificato per sei turni), che insegue il Brindisi a otto punti, non la spunti sul Bitonto
Brindisi, è qui la festa si attende la promozione

BRINDISI - Fervono i preparativi nelle sedi dei club del tifo in vista della gara di domenica contro il Matera. Potrebbe essere il turno in grado di assegnare al Brindisi 1912 la promozione nella Seconda Divisione. A condizione che la Nocerina (che dovrà fare a meno dell’attaccante Babatunde, squalificato per sei turni), che insegue il Brindisi a otto punti, non la spunti sul Bitonto. Diversamente, bisognerà attendere la gara del 3 maggio a Francavilla in Sinni, al termine della quale al Brindisi basterà non perdere. 

Ma il clima che governa queste ore la città sportiva è quello e solo quello dell’at t e s a dell’evento sportivo dell’anno: il ritorno tra i professionisti del calcio biancazzurro. Sede dalla quale manca da quasi cinque anni. E senz’a l t ro più consona alla storia e alla tradizione dei colori biancazzuri. Al valore e alla riconosciuta esperienza di dirigenti sportivi appassionati e competenti. E ad un pubblico che ha sempre risposto con entusiasmo allo spettacolo offerto dal calcio biancazzurro. 

Per tutto ciò, il Brindisi Football 1912, nato dalle ceneri del Brindisi Calcio, merita - in virtù dei decisivi apporti dei dirigenti fratelli Francesco e Giuseppe Barretta - il passaggio in Seconda Divisione (l’ex serie C/2). E domenica anche il glorioso stadio comunale intitolato al commendatore Franco Fanuzzi (indimenticato patron del Brindisi che all’inizio degli anni Settanta conquistò la serie B) sarà un magnifico spettacolo, come quello visto al termine del campionato 2001-2002, che segnò la promozione in C/2. 

I dirigenti del Brindisi hanno deciso di consentire l’ingresso gratuito in curva e in gradinata. E di fissare in dieci euro quello per assistere alla partita dalle tribune. «Desideriamo che in questo momento i brindisi - affermano i dirigenti Barretta - possano far sentire la propria vicinanza alla squadra. Domani potrebbe essere una giornata storica per la città di Brindisi e noi non auspichiamo altro se non di condividere con tutti i nostri concittadini quella che ci auguriamo possa essere una giornata di festa. Abbiamo aspettato tanto questo momento. 

L’obiettivo è ormai a due passi. E questi ultimi due passi li vorremmo percorrere assieme a tutti i brindisini ed i nostri atleti che avranno avuto il merito di trasformare un sogno in realtà». Dai club del tifo organizzato fanno sapere che la presenza sugli spalti del «Fanuzzi» si annuncia numerosa. E soprattutto festosa. Bandiere e cori per un’immagine, la migliore possibile, da consegnare alla storia del calcio brindisino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400