Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 08:23

Pennetta apre la sfida Italia-Russia di Fed Cup

Sarà la tennista brindisina, numero uno italiana e numero 14 del mondo, a scendere per prima in campo contro Chakvetadze sabato nella semifinale della competizione a squadre per nazionali a Castellaneta Marina. A seguire giocheranno Schiavone e Kuznetsova, numero 9 del mondo e numero uno russa dopo il forfait per infortunio di Zvonareva. La tarantina Vinci giocherà nel doppio
• Zahlavova-Dulgheru in finale a Bari
Pennetta apre la sfida Italia-Russia di Fed Cup
CASTELLANETA MARINA (TARANTO) – Sarà la numero uno italiana e numero 14 del ranking mondiale, Flavia Pennetta, a scendere per prima in campo domani nella semifinale Italia-Russa di Fed Cup a Castellaneta Marina. Nel sorteggio di questa mattina la tennista brindisina ha pescato la numero 2 russa e numero 23 del mondo, Anna Chakvetadze. A seguire giocheranno Francesca Schiavone, scelta dal capitano azzurro Barazzutti come seconda singolarista e Svetlana Kuznetsova, numero 9 del mondo e numero uno della formazione russa dopo il forfait all’ultimo momento per infortunio di Vera Zvonareva, numero 6 del ranking.

Domenica, gli altri due singolari, e il doppio che vedrà opposte la coppia Errani-Vinci a quella russa Petrova-Pavlyuchencova. Per l'Italia di Corrado Barazzutti si prospetta un’impresa davvero dura perché contro lo squadrone dell’Est, che negli ultimi cinque anni ha sempre portato a casa la Coppa tranne che nel 2006 quando hanno trionfato la azzurre (battendo il Belgio a Charleroi), nelle quattro precedenti occasioni l’Italia non ha mai vinto.

PENNETTA: IL FATTORE CAMPO PUO' ESSERE DETERMINANTE - La scelta di Anna Chakvetadze come seconda singolarista al posto di Nadia Petrova non turba più di tanto Flavia Pennetta, che torna a giocare nella sua Puglia dopo la vittoria contro la Cina ad aprile 2007 (la brindisina era assente nella sfida contro la Francia a luglio 2007): «Francamente è indifferente – sottolinea la brindisina – ad ogni modo per me non è stata una sorpresa. Credo che il fattore campo, con il tifo ed il calore del pubblico, possa essere determinante». Contenta di giocare, per la terza volta in tre anni, a pochi chilometri da casa è anche Roberta Vinci, la 26enne tarantina reduce dalla vittoria nel Wta di Barcellona: «Il campo è buono: siamo pronte».

BARAZZUTTI SI APPELLA ALLO «SPIRITO DI SQUADRA» - Si appella al «grande spirito di squadra» il capitano azzurro, Corrado Barazzutti, per sconfiggere la Russia nella semifinale di Fed Cup che comincia domani a Castellaneta Marina. «E' un match molto difficile – ha detto subito dopo il sorteggio degli incontri – ritengo anche molto vicino, che possiamo vincere o perdere con la stessa facilità perchè i valori sono vicini. Il match è estremamente equilibrato e si risolverà probabilmente su pochi punti».

Quanto alla scelta di Sara Errani e non dell’abituale Francesca Schiavone nel doppio in coppia con Roberta Vinci, Barazzutti ha spiegato che le scelte vengono fatte “su una valutazione complessiva, non semplicemente sugli ultimi risultati».

Il programma

Sabato:
Flavia Pennetta (Ita) - Anna Chakvetadze (Rus); Francesca Schiavone (Ita) - Svetlana Kuznetsova (Rus).
Domenica:
Flavia Pennetta (Ita) - Svetlana Kuznetsova (Rus) Francesca Schiavone (Ita) - Anna Chakvetadze (Rus) Sara Errani e Roberta Vinci (Ita) - Anastasia Pavlyuchenkova e Nadia Petrova (Rus).
Ant-Caw

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione