Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 00:35

Il Lecce aspetta l'esito del ricorso della Juve

Nell'attesa di sapere se Juve-Lecce si giocherà a porte chiuse, come deciso dal giudice sportivo, l'allenatore dei bianconeri Ranieri assicura che all’eventuale prossimo coro razzista proveniente dai tifosi juventini, la squadra fermerà il gioco e uscirà dal campo: «Chiamerò il nostro capitano, quello della squadra avversaria e il quarto uomo e ci fermeremo»
• I giallorossi si scoprono ancora più forti | BLOG
• Giuliatto: «Vincere contro il Catania»
• Caserta si ferma per quindici giorni
• Lecce-Napoli del 10 maggio senza tifosi ospiti
Il Lecce aspetta l'esito del ricorso della Juve
ROMA – In attesa dell'esito del ricorso (è già sul tavolo della Corte di Giustizia Federale con la procedura d’urgenza) contro la decisione del giudice sportivo di far giocare a porte chiuse Juventus-Lecce del 3 maggio, l'allenatore dei bianconeri, Claudio Ranieri, assicura che all’eventuale prossimo coro razzista proveniente dai tifosi juventini, la squadra fermerà il gioco e uscirà dal campo. Al prossimo coro razzista «chiamerò Del Piero, il nostro capitano, il capitano della squadra avversaria e il quarto uomo - annuncia Ranieri in un’intervista a Repubblica – ci parleremo e prenderemo l’unica decisione possibile: fermarci».

L'allenatore della Juventus precisa che «prima faremo un altro tentativo» e cioè «ci sposteremo verso il settore da dove vengono i cori e faremo capire ai tifosi con i gesti e con le parole che sarebbe meglio smetterla» ma se non capiranno, «allora basta – afferma -, stop. Torneremo negli spogliatoi» perchè «è saltato tutto: il rispetto del prossimo e l'educazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione