Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 21:39

«Minacce, insulti e colpi a Foggia»

«Da parte di alcuni addetti al servizio di sicurezza dello stadio Zaccheria». È quanto denuncia il Perugia calcio in una «dettagliata relazione dei fatti avvenuti durante la gara di ieri», finita 2-1 per i rossoneri. Nell’esposto si parla anche di «arbitraggio inadeguato» con riferimento ai due rigori concessi ai dauni
«Minacce, insulti e colpi a Foggia»
PERUGIA – «Minacce, insulti e colpi proibiti da parte di alcuni addetti al servizio di sicurezza dello stadio Zaccheria» di Foggia: è quanto denuncia il Perugia calcio in una «dettagliata relazione dei fatti avvenuti ieri» inviata oggi alla presidenza della Lega Pro ed alla Procura Federale della Figc. Nell’esposto si parla anche di «arbitraggio inadeguato» con riferimento ai due rigori concessi agli avversari degli umbri sconfitti ieri per 2-1.

«Il risultato di dibattiti, tavole rotonde e appelli contro la violenza è spesso sconfortante – è detto in un comunicato del Perugia – come si è avuto modo di verificare a Foggia, con giocatori, tecnici e tesserati del Perugia che sono stati oggetto di minacce, insulti e colpi proibiti da parte di alcuni addetti al servizio di sicurezza dello stadio Zaccheria. In questa situazione difficile – afferma Perugia – ci siamo trovati anche in altri campi, per cui si intende denunciare il comportamento antisportivo e, peggio ancora, violento, per quanto avvenuto».

La società aggiunge che «direttamente o attraverso le immagini televisive è stato possibile rendersi conto di quanto insoddisfacente sia stato sotto il profilo tecnico e disciplinare l’operato dell’arbitro designato per l’incontro, Matteo Bergher di Rovigo, al punto da non poter restare inermi di fronte a situazioni come quelle che si sono verificate allo Zaccheria. Il Perugia – continua il comunicato – è l’unica squadra professionistica italiana che, a tutt'oggi, non ha mai visto assegnarsi dai direttori di gara alcun calcio di rigore a proprio favore, mentre sono state frequenti le decisioni penalizzanti che ne hanno minato il cammino sportivo. L’auspicio convinto è quello che sulla strada del Perugia non si frappongano più arbitraggi tanto inadeguati, come quello di ieri».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione