Cerca

L'Italia giunta a Bari Lippi vede azzurro

A poche ore dalla gara contro l'Irlanda, valida per le qualificazioni al Mondiale 2010 di calcio, il ct chiama in causa i tifosi del San Nicola auspicando non ci siano strascichi per la vicenda Cassano: «Se poi vorranno fare altre cose, sono liberi di farlo»
• Bari si colora di «verde» irlandese
• Trap: «Cassano? È da Nazionale»
L'Italia giunta a Bari Lippi vede azzurro
BARI – La Nazionale italiana di calcio è arrivata a Bari con un volo proveniente da Firenze. Il gruppo di calciatori e lo staff tecnico, il cui aereo è atterrato all’aeroporto di Bari Palese poco dopo le 18,30, è stato prelevato sotto bordo da un pullman e scortato nel ritiro. Solo Marcello Lippi si recherà allo stadio San Nicola, dove è previsto un incontro stampa con i media irlandesi.

Poche ore prima, il commissario tecnico aveva dialogato con i media italiani della sfida di Bari (mercoledì, ore 20,50) contro l'Irlanda di Giovanni Trapattoni. «Cercheremo, come sempre, di vincere, rispettando moltissimo e seriamente l’avversario e chi lo dirige. Dall’Irlanda mi aspetto determinazione, aggressività, abilità nei colpi di testa e nei calci piazzati – continua –. Penso che l’Italia del secondo tempo col Montenegro è una squadra affidabile ma non so se questo sarà sufficiente per battere l’Irlanda. Il Trap? La cosa che evidenzia la bravura degli allenatori è il saper sfruttare al massimo le potenzialità dei propri uomini. Per noi è un’occasione importante ma i conti si chiudono domani perché finché non c'è la matematica non c'è la possibilità di sentirsi primi».

«Vogliamo vincere domani a Bari – ha detto il ct azzurro – tutti siamo convinti che andare a +5 sull'Irlanda sarebbe un gran bel vantaggio. Ma questa partita bisogna prima vincerla, è proprio il caso di rispolverare il trapattoniano "non dire gatto se non ce l'hai nel sacco"». In ogni caso, Lippi è convinto che anche a +5 sull'Irlanda «non sarebbe chiuso il conto». Lippi ha poi parlato di Trapattoni, ora rivale con l’Irlanda. «Lo chiamano la volpe argentata. Se mi aspetto qualche sua furbizia? La vera furbizia di un allenatore è sapere sfruttare al meglio le caratteristiche dei suoi giocatori. E lui lo fa benissimo».

Nessuna indicazione sull'Italia di domani nè, tanto meno, sull'impiego di Giuseppe Rossi: «Non credo che Trapattoni dia la formazione». Lippi non si sbilancia sull'undici iniziale che scenderà in campo a Bari perché «nella seconda partita è necessario stare tutti bene e aver recuperato al 100%. Voglio ancora verificare qualcosa, compresi gli acciaccati, aspetterò l’ultimo allenamento di domani. La logica suggerisce così». Pepe, Pazzini e Giuseppe Rossi è stato però il tridente d’attacco provato in allenamento. Dop un discorso alla squadra e il riscaldamento, il commissario tecnico azzurro ha distribuito le pettorine per un addestramento tattico. Da una parte difesa e centrocampo titolari, con Zambrotta, Cannavaro, Chiellini e Grosso più De Rossi, Pirlo e Brighi; dall’altra parte, oltre alle riserve, il tridente formato da Pepe, Pazzini e Rossi.

Una battuta infine sullo stadio «San Nicola» che potrebbe inscenare una protesta per la mancata convocazione dell’idolo di casa, Antonio Cassano. «Mi aspetto uno stadio pieno, pimpante e italiano – la risposta di Lippi – Se poi vorranno fare altre cose, sono liberi di farlo. Io mi attendo quello che viene fatto in tutte le città in cui gioca la Nazionale».

Zambrotta ribadisce il concetto: «Spero che i tifosi di Bari domani non ci fischino, vero che Cassano non c'è ma le scelte di Lippi vanno sempre rispettate. Sarà una sfida dura contro l'Irlanda di Trapattoni, abbiamo bisogno del sostegno di tutti, vedersi contestati dispiacerebbe molto». Gianluca conosce bene la città pugliese avendoci giocato a inizio carriera prima di trasferissi alla Juve. «Allora la gente mi fischiò quando seppe che sarei andato via ma stavolta è tutto diverso», afferma il difensore del Milan che domani con 81 presenze in azzurro eguaglierà Marco Tardelli, attuale collaboratore del Trap. «Che onore, spero di festeggiare, farà effetto sfidarli, mi hanno allenato entrambi».

Probabili formazioni 

ITALIA (4-2-3-1): 1 Buffon, 2 Zambrotta, 5 Cannavaro, 4 Chiellini, 3 Grosso, 6 De Rossi, 8 Brighi, 7 Pepe, 10 Pirlo, 11 Rossi, 9 Pazzini (12 Amelia, 13 Motta, 14 Gamberini, 15 Palombo, 16 Dossena, 17 Quagliarella, 18 Iaquinta). All. Lippi
IRLANDA (4-4-2): 1 Given, 2 McShane, 4 O'Shea, 5 Dunne, 3 Kilbane, 7 McGeady (Keogh), 8 Andrews, 6 Whelan, 11 Hunt S., 10 Keane, 9 Doyle. (12 Delaney, 13 Kelly, 14 Hunt N., 15 Gibson, 16 Kiely, 17 Keogh, 18 Folan). All.:Trapattoni.
Arbitro: Stark (Aut).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400