Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 17:17

CALCIO / Lippi: «Cassano? Non parlo degli assenti»

Il ct sulla mancata convocazione del barese: «Ho le mie convinzioni e le porto avanti. Il pubblico di Bari farà quello che riterrà più opportuno. Penso che tiferà per la Nazionale». Il San Nicola ospiterà il primo aprile la gara di qualificazione al Mondiale 2010 Italia-Irlanda
• Pollo da Lecce per l'arbitro Celi
• Pisa-Bari senza Alvarez e De Vezze
• Taranto e Potenza, due squalificati a testa
• Basket: Cras, volata per il primo posto
• Pallamano: Casarano a Teramo per il bis
• Bari si candida per gli Europei 2014 di atletica
CALCIO / Lippi: «Cassano? Non parlo degli assenti»
Il ct dellFIRENZE – Sulla mancata convocazione di Antonio Cassano «non devo spiegazioni, ho le mie convinzioni e le porto avanti». Lo ha detto il ct della nazionale Marcello Lippi rispondendo a domande sull'esclusione del sampdoriano. 

«Cassano una presenza ingombrante? Dove è?... – ha aggiunto Lippi – continuate ad esprimere i vostri pareri, io parlo dei presenti». E alla domanda se fosse stato infastidito dalla lettura dei giornali in cui si chiedevano spiegazioni sul no a Cassano il ct ha risposto: «Nessun fastidio».

Eppure a Bari, per la partita contro l’Irlanda (1° aprile alle ore 20,50), si teme una sorta di «sciopero» del tifo per l’assenza del talento blucerchiato. «Il pubblico di Bari farà quello che riterrà più opportuno - commenta Lippi – Penso che tiferà per la Nazionale, ma da parte mia sarebbe squallido pensare di dover convocare un giocatore perché la Nazionale gioca nella sua città d’origine».

Arrigo Sacchi dice la sua sulla mancata chiamata del talento barese per le partite dell’Italia contro Montenegro (28 marzo) ed Eire. Marcello Lippi non convoca in Nazionale Antonio Cassano perché è un tecnico che pensa più alla squadra che al singolo giocatore.  

«Credo che Lippi non lo convochi per un motivo semplice: ci sono allenatori, e me tra questi, che pensano maggiormente al copione rispetto al singolo calciatore. E’ il copione, infatti, che riesce ad aumentare le qualità dei singoli giocatori».

Intanto, seconda seduta di allenamento per la Nazionale nel primo giorno di ritiro a Coverciano. Lavoro prettamente tattico, a porte chiuse, per gli azzurri. Dopo una serie di torelli di gruppo e di partitelle con le porticine, sfida a metà campo 11 contro 11. Lippi ha provato la formazione che potrebbe scendere in campo sabato contro il Montenegro. Un 4-3-3 con Buffon tra i pali, Zambrotta a destra, Grosso a sinistra, Chiellini e Cannavaro centrali in difesa. In cabina di regia Pirlo affiancato da De Rossi e Palombo, quindi Iaquinta prima punta con Di Natale a sinistra e Quagliarella a destra. A segno nella partitella Pirlo e Quagliarella. In chiusura stretching in palestra per tutto il gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione