Cerca

Lecce, solo un pari. Ma il Bologna è a due punti

Nella ventinovesima giornata della serie A, i salentini con grande sofferenza pareggiano 2-2 sontro l'Atalanta dopo essere stati rimontati. Segnano Caserta al 9', Padoin al 30' e 48', ancora Caserta al 91'. Espulso De Canio a pochi minuti dalla fine
Lecce, solo un pari. Ma il Bologna è a due punti
Lecce-AtalantaLECCE-ATALANTA 2-2 (1-1 nel primo tempo)

LECCE (3-4-3): Benussi 5.5; Esposito 5, Fabiano 5, Schiavi 5.5 (1' st Ardito 5.5); Angelo 6.5, Edinho 5.5 (10' st Papadopoulos 6), Giacomazzi 5.5, Ariatti 5.5; Caserta 7, Castillo 6.5, Papa Waigo 6.5 (38' st Zanchetta sv). In panchina: Rosati, Stendardo, Antunes, Vives. Allenatore: De Canio 6.
ATALANTA (4-4-1-1): Consigli 5; Capelli 6, Pellegrino 6, Manfredini 6, Bellini 6 (18' st Peluso 5.5); Defendi 6.5 (24' st Cerci 6), Cigarini 6.5, Guarente 6, Padoin 7; Valdes 6 (15' st De Ascentis 6); Floccari 6.5. In panchina: Coppola, Talamonti, Parravicini, Zaza. Allenatore: Del Neri 6.5.
ARBITRO: Celi di Campobasso 6.
RETI: 9' pt Caserta, 30' pt e 3' st Padoin, 46' st Caserta (rig).
NOTE: giornata nuvolosa e ventosa, temperatura fredda. Terreno di gioco in ottime condizioni. Espulsi al 26' del secondo tempo il medico sociale del Lecce Palaia e al 41' del secondo tempo De Canio, entrambi per proteste. Ammoniti: Papa Waigo, Peluso, Padoin, Cigarini, Guarente e Manfredini. Angoli: 4-1. Recuperi: pt 1'; st 5'.

LECCE – Un calcio di rigore trasformato da Caserta nei minuti di recupero (il primo in questo campionato in favore del Lecce) risparmia a Gigi De Canio l’amarezza della sconfitta al suo esordio fra le mura amiche del «Via del Mare», ma non risolve i problemi di classifica dei giallorossi. Contro l’Atalanta finisce 2-2, grazie a due doppiette (Caserta e Padoin), ma la tifoseria salentina mugugna per via di una vittoria che manca ormai da sette partite e una salvezza sempre più lontana.

Il Lecce targato De Canio propone per la prima volta a centrocampo la coppia Edinho-Giacomazzi, mentre in porta ritorna Benussi. In attacco Tiribocchi è out, al suo posto Papa Waigo. Nell’Atalanta Del Neri deve fare a meno di Doni e propone l’ex di turno Valdes dietro all’unica punta Floccari.

Dopo i primi minuti di studio il Lecce passa al primo vero affondo: Castillo al 9' mette in movimento Caserta che beffa il fuorigioco atalantino e dopo aver evitato Consigli deposita in rete. Il gol mette le ali ai salentini ma col passare dei minuti la banda di Del Neri si riorganizza. La prima vera grande occasione per i nerazzurri arriva al 22' e si manifesta per ben tre volte in pochi secondi: prima Valdes, dopo aver lasciato sul posto Esposito, colpisce la traversa e poi sulla ribattuta Benussi si supera per due volte su Defendi da pochi passi.

Al 30' arriva l’1-1 di Padoin. Bel suggerimento di Floccari per l'esterno che in velocità superà la lenta difesa leccese e con un pallonetto beffa Benussi. Il pareggio atalantino spegne la verve agonistica dei padroni di casa, mentre il primo tempo si chiude con una bella girata in area di Floccari che però finisce fuori.

Nel secondo tempo De Canio passa alla difesa a quattro ma dopo appena tre giri di lancette Padoin piazza il colpo del 2-1 per l'Atalanta. Il centrocampista nerazzurro, lanciato in contropiede, fa fuori un difensore, rientra verso l’interno e piazza un destro che fulmina Benussi.

A questo punto il Lecce ha un avversario in più: è il pubblico del «Via del Mare», che dà il via a una contestazione che non risparmia nessuno. I salentini si gettano in avanti dimostrando maggiore forza di volontà ma poca organizzazione di gioco: al 21' Consigli sbaglia il tempo dell’uscita ma recupera con un colpo di reni sull'incornata di Papadopoulos. Un minuto dopo Castillo, solo davanti a Consigli, spara alto.

Gli animi si scaldano per un presunto fallo in area su Papadopoulos, non ravvisato da Celi, e ne fa le spese il medico sociale del Lecce che viene espulso per proteste. Nel finale succede di tutto: prima viene espulso De Canio per proteste e al 46' Celi fischia un calcio di rigore per fallo di mano di Manfredini: sul dischetto va Caserta che salva il risultato. 

La gara è stata sospesa per un paio di minuti per l'ingresso in campo di un cane. E' avvenuto dopo che la partita era cominciata da cinque minuti, mentre l’Atalanta si apprestava a battere un calcio piazzato: un cane, sbucato da dietro la porta difesa da Consigli, è entrato sul terreno di gioco e lentamente si è diretto verso la panchina giallorosa. Partita momentaneamente sospesa: il team manager gialloroso Mario Zanotti ha bloccato l'inatteso intruso e lo ha consegnato ad uno steward.

Risultati della 29ª giornata del campionato di calcio di Serie A (10ª del girone di ritorno)

A Bologna: Bologna-Cagliari 0-1
A Catania: Catania-Lazio 1-0 (ieri)
A Verona: Chievo-Palermo 1-0
A Firenze: Fiorentina-Siena 1-0
A Genova: Genoa-Udinese 2-0
A Milano: Inter-Reggina 3-0
A Lecce: Lecce-Atalanta 2-2
A Roma: Roma-Juventus 1-4 (ieri)
A Torino: Torino-Sampdoria 1-3
Napoli-Milan questa sera alle 20.30.

La classifica (squadra, punti, partite giocate, vinte, pareggiate, perse, gol fatti, gol subiti)

Inter 69 29 21 6 2 54 21
Juventus 62 29 19 5 5 51 23
Milan (-) 54 28 16 6 6 51 28
Genoa 51 29 14 9 6 39 27
Fiorentina 49 29 15 4 10 39 29
Roma 46 29 13 7 9 44 41
Cagliari 42 29 12 6 11 34 29
Palermo 42 29 13 3 13 39 38
Lazio 41 29 12 5 12 39 41
Atalanta 40 29 12 4 13 35 33
Catania 37 29 10 7 12 30 34
Napoli (-) 36 28 10 6 12 33 33
Udinese 36 29 9 9 11 38 41
Sampdoria 36 29 9 9 11 31 36
Siena 31 29 8 7 14 23 32
Chievo 30 29 7 9 13 25 36
Bologna 26 29 6 8 15 31 47
Torino 24 29 5 9 15 26 45
Lecce 24 29 4 12 13 26 48
Reggina 20 29 3 11 15 22 48
(-): una gara in meno

La classifica cannonieri

19 RETI: Di Vaio (4 rig) (Bologna); Ibrahimovic (1 rig) (Inter).
16 RETI: Milito (5 rig) (Genoa).
15 RETI: Gilardino (Fiorentina).
14 RETI: Pato (Milan).
13 RETI: Mutu (2 rig) (Fiorentina).
12 RETI: Floccari (1 rig) (Atalanta); Amauri (Juventus); Di Natale (3 rig) (Udinese).
11 RETI: Kakà (4 rig) (Milan).
10 RETI: Acquafresca (2 rig) (Cagliari); Zarate (2 rig) (Lazio); Cavani (1 rig), Miccoli (2 rig) (Palermo); Corradi (5 rig) (Reggina).
9 RETI: Jeda (Cagliari); Mascara (2 rig) (Catania); Del Piero (2 rig) (Juventus); Hamsik (2 rig) (Napoli); Vucinic (Roma); Pazzini (1 Fiorentina) (Sampdoria); Quagliarella (Udinese).
8 RETI: Sculli (Genoa); Pandev, Rocchi (Lazio); Simplicio (Palermo); Julio Baptista (1 rig) (Roma); Cassano (1 rig) (Sampdoria).
7 RETI: Doni (Atalanta); Paolucci (Catania); Tiribocchi (Lecce); Inzaghi, Ronaldinho (2 rig) (Milan); Denis, Lavezzi (Napoli).
6 RETI: Pellissier (1 rig) (Chievo); Iaquinta (1 rig) (Juventus); Castillo (Lecce); Totti (1 rig) (Roma); Maccarone (1 rig) (Siena).
5 RETI: Stankovic (Inter); Nedved (Juventus); Bellucci (1 rig), Delvecchio (Sampdoria); Bianchi (1 rig) (Torino).
4 RETI: Conti (Cagliari); Morimoto (Catania); Marcolini (2 rig) (Chievo); Montolivo (Fiorentina); Maicon, Balotelli (1 rig) (Inter); Caserta (1 rig) (Lecce); Seedorf (Milan); Maggio (Napoli); Bresciano (Palermo); Ghezzal (Siena); Amoruso (2 rig) (Torino); D’Agostino (2 rig) (Udinese).
3 RETI: Ferreira Pinto, Padoin (Atalanta); Volpi (Bologna); Fini, Matri (Cagliari); Italiano (Chievo); Jankovic, Motta (Genoa); Adriano (1 rig) (Inter); Chiellini (Juventus); Foggia (Lazio); Ambrosini (Milan); Brienza (1 rig), Cozza (Reggina); Frick, Kharja (Siena); Rosina (3 rig) (Torino); Floro Flores, Pepe, Sanchez (Udinese).
2 RETI: Guarente, Valdes, Vieri (Atalanta); Valiani (Bologna); Biondini (Cagliari); Ledesma (1 rig), Martinez, Plasmati (Catania); Langella, Mantovani (Chievo); Felipe Melo (Fiorentina); Biava, Olivera, Palladino, Papastathopoulos (Genoa); Cambiasso, Cordoba, Cruz, Muntari (Inter); Giovinco, Marchisio, Mellberg, Sissoko (Juventus); Ledesma, Siviglia (Lazio); Cacia, Giacomazzi, Munari (Lecce); Beckham (Milan); Zalayeta (Napoli); Kjaer (Palermo); Di Gennaro (Reggina); Aquilani, Brighi, Cicinho, De Rossi, Juan, Panucci, Perrotta, Pizarro (Roma); Stankevicius (Sampdoria); Calaiò, Vergassola (Siena); Dellafiore, Saumel, Stellone (Torino).
1 RETE: Capelli, Cigarini, Garics, Manfredini (Atalanta); Adailton, Bernacci (1 rig), Britos, Mingazzini, Moras, Mutarellio (Bologna); Bianco, Larrivey, Lopez (Cagliari); Baiocco, Capuano, Potenza, Sabato (Catania); Bentivoglio, Bogdani, Colucci, Luciano, Makinwa, Morero, Rigoni (Chievo); Bonazzoli, Kuzmanovic, Santana (Fiorentina); Criscito (Genoa); Burdisso, Crespo, Figo, Maxwell, Obinna, Samuel, Vieira (Inter); Camoranesi, Grygera, Legrottaglie, Marchionni, Poulsen, Salihamidzic, Trezeguet (Juventus); Dabo, Diakitè, S.Inzaghi, Kolarov, Mauri (Lazio); Esposito, Vives (Lecce); Borriello, Pirlo (1 rig), Zambrotta (Milan); Mannini, Pazienza, Vitale (Napoli); Bovo, Cassani, Mchedlidze, Migliaccio, Succi (Palermo); Barreto, Costa, Sestu (Reggina); Loria, Menez, Mexes, Riise, Taddei (Roma); Franceschini, Padalino, Sammarco(Sampdoria); Ficagna, Galloppa (1 rig), Jarolim (Siena); Abate, Abbruscato, Barone, Colombo, Natali, Ventola, P.Zanetti (Torino); Domizzi, Felipe, Inler, Pasquale (Udinese).
1 AUTORETE: Terlizzi (Catania pro Inter); Mascara (Catania pro Inter); Cicinho (Roma, pro Bologna); Di Loreto (Torino pro Reggina); Pisano (Torino pro Inter); Domizzi (Udinese pro Lecce); Siviglia (Lazio pro Napoli); Mantovani (Chievo pro Lazio); Denis (Napoli pro Milan); Papastathopoulos (Genoa pro Juve); Felipe (Udinese pro Chievo); Diakitè (Lazio pro Inter).

Il prossimo turno (trentesima giornata, 5 aprile alle ore 15)

Atalanta – Fiorentina (ore 13)
Cagliari – Catania
Juventus – Chievo
Milan – Lecce (ore 21)
Palermo – Torino
Reggina – Genoa
Roma – Bologna
Sampdoria – Napoli
Siena – Lazio
Udinese – Inter (ore 19)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400