Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 22:12

Dream Team, risposta immediata

Dopo l’esclusione dalla Champions, Taranto torna a dettare legge in campionato: espugnata Sassari 77-85. Passiwan MVP con 36 punti. E sabato prossimo ci si gioca il primo posto nella serie A1 di basket maschile in carrozzina al Palamazzola contro Santa Lucia
Dream Team, risposta immediata
Dirk Passiwan (Dream Team Taranto)TARANTO - Se mai ci fosse stato bisogno d’una risposta, il Dream Team Comes l’ha urlata all’Italia intera. Taranto è viva più che mai e dopo l’esclusione dalla Champions torna a dettare legge in A1 espugnando nientemeno che il parquet della corazzata Sassari. Ionici strepitosi sin dai primi minuti ed arrivati anche a poter gestire un margine di 18 punti, con ben quattro giocatori in doppia cifra ed un Dirk Passiwan ancora una volta semplicemente irresistibile. Con la vittoria sull’Anmic i campioni d’Italia, a due giornate dalla fine della regular season, conquistano matematicamente una tra le prime due posizioni in classifica.

Sabato prossimo, al Palamazzola, il Dream Team si giocherà la leadership contro Santa Lucia in una sfida sempiterna e che promette ancora una volta spettacolo assoluto. Per Taranto è l’occasione di chiudere in testa la stagione regolare per la prima volta nella sua storia: sarebbe un altro meraviglioso traguardo per una società sempre più grande.

La partita - Coach Egidio L’Ingesso parte con Latagliata e Miceli esterni, Passiwan libero di spaziare e la coppia di lunghi Counts-Dror. Lamine Sene risponde con il quintetto classico: Kohllstrom, Ruggeri, Raimondi, Megrini e Berdun. Gli ospiti partono benissimo: Counts e Dror si trovano a meraviglia in post medio e strappano subito sul 8-16. L’Anmic però si riorganizza e nel finale di quarto accorcia con due buone penetrazioni di Ruggieri ed un appoggio di Kohlstrom (16-20). I pugliesi ritornano in campo con grande decisione: Berdun trova pochissimi spazi sotto canestro mentre Passiwan, nonostante i raddoppi sistematici, inizia a martellare la retina sarda dal perimetro; a metà quarto, coach L’Ingesso manda dentro Mazzi e Di Bennardo (per Latagliata, gravato di tre falli, e Counts). Il capitano è subito in partita, realizza dal post alto e poi si guadagna un ottimo 2+1 portando Taranto sul +10 all’intervallo lungo (31-41).

Il terzo parziale inizia con il quarto fallo di Dror, sostituito da un positivissimo Counts; a fare la differenza però è Jamie Mazzi con una magnifica tripla, che tiene inalterato il margine degli ospiti. Al posto del play americano, a metà quarto, entra Stella, ottimo nelle rifiniture per il solito, inafferrabile Passiwan. Il tedesco è scatenato e buca continuamente la difesa isolana portando il Dream Team sul +11 (52-63).

Taranto inizia l’ultimo periodo per chiudere definitivamente la partita: Passiwan è ovunque (per il tedesco alla fine del match 36 punti e la standing ovation del correttissimo PalaSerradimigni) e contribuisce al massimo vantaggio ionico (58-75, +18, a 5’ dalla fine). L’Anmic cerca di affidarsi a Berdun e Ruggieri, che colpiscono dalla linea lunga accorciando il margine ionico. A due minuti dalla sirena Sassari arriva anche a -7, ma nel gioco dei falli sistematici Taranto tiene i nervi saldissimi, chiude 77-85 e porta a casa una meritata vittoria.

Gli spogliatoi - «Quella di stasera è stata una reazione importante, quella che mi aspettavo dai ragazzi». Coach Egidio L’Ingesso è palesemente soddisfatto: vincere sul parquet dell’Anmic Sassari è prova di grande forza. «C’era un po’ di amarezza per l’esito della Champions: uscire per un solo punto è sempre difficile da digerire. Però la squadra ha ripreso subito in mano le redini del suo destino e questa vittoria ci permette di poter lottare per un traguardo prestigioso e mai tagliato prima come il primo posto finale in classifica. Ci giocheremo tutto sabato prossimo contro Santa Lucia».

A differenza dei precedenti annuali, questa volta la partita con Sassari è stata quasi sempre a senso unico. «Siamo entrati in campo con grande convinzione ed abbiamo sempre tenuto il pallino del gioco. Abbiamo concesso loro pochi tiri facili e di contraltare abbiamo giocato un buonissimo basket offensivo. La squadra ha messo sul parquet una grande intensità e Sassari ne ha risentito». A fine partita il PalaSerradimigni ha tributato un lungo applauso ai campioni d’Italia: «Sono cose che fanno piacere, alla pari dei complimenti arrivati dai giocatori dell’Anmic. Li conserveremo nei nostri ricordi più belli, ma da domani dobbiamo iniziare a pensare al grande match con Santa Lucia. Chiudere la regular season al primo posto sarebbe un traguardo storico e noi vogliamo tagliarlo a tutti i costi».

IL TABELLINO

ANMIC SASSARI 77
DREAM TEAM COMES TARANTO 85
(16-20, 31-41, 52-63)
Anmic Sassari: Raimondi 15, Ruggeri 16, Berdun 16, Kohlstrom 12, Megrini 8, Cherchi ne, Arghittu 2, Tiberi, Esteche 2, Spanu, Sanz 6. All. Lamine Sene
Dream Team Comes Taranto: Di Bennardo 9, Latagliata, Mazzi 11, Miceli 2, Counts 13, Dror 13, Stella, Passiwan 36, Diana ne. All. Egidio L’Ingesso
Arbitri: Fuser, Dolci, Di Tullio
Campo di gioco: PalaSerradimigni, piazzale Segni, Sassari. MVP: Dirk Passiwan (Dream Team Comes).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione