Cerca

Venerdì 19 Gennaio 2018 | 22:35

ROMA

Torre, in Linea Verticale vince realismo

Su Rai3 ascolti superiori attese per serie sul tumore

Torre, in Linea Verticale vince realismo

ROMA, 14 GEN - Al di là del "tono surreale e satirico" sulla vita quotidiana del reparto di urologia oncologica di un ospedale italiano, "il pubblico credo abbia apprezzato il realismo". Commenta con l'ANSA Mattia Torre, il regista della Linea Verticale che ha debuttato su Rai3 ottenendo risultati sopra le aspettative pur in una serata dominata dal people show di Maria De Filippi. La serie, 4 prime serate, racconta dal punto di vista dei pazienti cose accade in quelle corsie con uno stile di racconto libero ed è stata seguita da 1 milione 782 mila spettatori (share 7.5) e 1 milione 567 mila spettatori (share 6.9). Protagonista è Valerio Mastandrea, la storia è autobiografica, frutto dell'esperienza di Torre (noto per Boris). Nel cast anche Greta Scarano, Giorgio Tirabassi, Paolo Calabresi. "Rai Fiction e Wildside hanno avuto il coraggio editoriale di dare fiducia a questo progetto che è strano, diverso e che racconta i drammi della salute, il tumore, riuscendo addirittura a far ridere", conclude Mattia Torre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione