Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 00:51

ROMA

Buster Keaton, addio 50 anni fa a genio

Pioniere del cinema muto, unico a oscurare stella di Chaplin

Buster Keaton, addio 50 anni fa a genio

ROMA, 30 GEN - Tutto il cinema del mondo, quello americano in prima fila, lunedì 1 febbraio dovrebbe alzarsi in piedi e fare un ultimo applauso (naturalmente silenzioso) in onore di Joseph Frank Kesaton detto "Buster", ovvero rompicollo, distruttore, indistruttibile, dal soprannome che - narra la leggenda - gli affibbiò Houdini il mago vedendolo uscire indenne da una rovinosa caduta sulle scale di casa. Era nato a Piqua, in Kansas, il 4 ottobre 1895. E' stato un protagonista geniale del cinema muto, attore e regista. Negli anni '20 era una star assoluta al pari di Chaplin. Con il sonoro cominciò la decadenza: il suo genio viveva di fisicità e visualità, il suo mondo era quello dell'impossibile che diventava reale. Abbandonato dalla moglie, precipitato nella depressione e nell'alcool, non recuperò mai la stima di sé. Nel 1960 un tardivo Oscar alla carriera. Alla Mostra di Venezia fu premiato per "Film" del '64. La morte lo coglierà sul set di "Dolci vizi al foro", nel 1966 quando era già malato terminale senza saperlo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione