Martedì 17 Luglio 2018 | 08:11

Mons. Galantino apre Porta Santa nel Kurdistan

Mons. Galantino apre Porta Santa nel Kurdistan
ROMA – Il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, mons. Nunzio Galantino, ha aperto la Porta Santa a Enishke, nel Kurdistan iracheno. L'apertura della Porta Santa è nata dalla richiesta del parroco locale, padre Samir Yousif, una cerimonia a cui hanno preso parte anche i capi della comunità yazida.

"Il parroco – ha spiegato mons. Galantino a Tv2000- ci ha chiesto in modo spontaneo di aprire simbolicamente anche qui una Porta Santa". 

"Il Papa ci ha ricordato più volte in questo periodo di preparazione che la Porta Santa non è solo quella delle cattedrali o dei santuari ma sono tutte quelle porte in cui si entra in storie diverse e faticose come quelle dei bambini, delle donne e degli uomini che abbiamo incontrato qui". Lo ha detto il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, mons. Nunzio Galantino, a Tv2000, a margine di una cerimonia in cui è stata aperta la Porta Santa a Enishke, nel Kurdistan iracheno. Mons. Galantino, da domenica fino a mercoledì 9 dicembre, è nel Kurdistan iracheno per una missione di solidarietà e vicinanza ai profughi. La piccola delegazione italiana con don Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana, è accompagnata dal parroco locale, padre Samir Yousif.

Alla celebrazione dell’apertura della Porta Santa "non hanno partecipato solo i cristiani perseguitati ma intere famiglie di altre religioni – ha detto Galantino – che si sono ritrovate insieme a far festa intorno alla realtà dell’accoglienza e del sentirsi fratelli".

"Entrare in questo villaggio e in questa chiesa – ha proseguito mons. Galantino – significa entrare in una storia veramente faticosa, significa fare un esercizio di misericordia".

Il segretario della Conferenza episcopale Italiana ha poi spiegato che "tra i tanti interventi che la Cei ha realizzato qui nell’ultimo anno c'è anche la costruzione di una grande Università cattolica sovvenzionata con 2,6 milioni di euro derivanti dall’8xmille".

"Abbiamo voluto dare a tanti giovani perseguitati fuggiti dalle loro terre – ha spiegato mons. Galantino – la possibilità di costruire qui il loro futuro, di crearsi una professionalità e di non sentirsi persone parcheggiate. E l’università è un piccolo segno". "I fedeli italiani – ha proseguito mons. Galantino – devono sapere che attraverso la loro generosità la Cei ha portato i loro soldi fino in Iraq per sostenere i cristiani e tantissima gente perseguitata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 

PHOTONEWS