Domenica 22 Luglio 2018 | 04:53

Corte Ue, dopo 10 anni residenza più difficile espulsioni

Corte Ue, dopo 10 anni residenza più difficile espulsioni

BRUXELLES - Dopo 10 anni di residenza in un altro Paese Ue, diventa più difficile espellere e rimandare nel Paese d'origine un cittadino europeo che sia stato in carcere per crimini comuni. Ogni situazione individuale va valutata caso per caso per verificare se i legami di integrazione non si sono interrotti con la detenzione. E' quanto ha stabilito la Corte Ue in merito a due casi, uno riguardante un cittadino italiano, il signor Franco Vomero, residente in Gran Bretagna dal 1985 e che tra il 2002 e il 2006 è stato in carcere per omicidio. Il secondo riguarda un cittadino greco residente in Germania dal 1993 e che nel 2013 è stato condannato per rapina a 5 anni di reclusione.

 

Secondo i giudici di Lussemburgo un cittadino Ue beneficia di tale livello di protezione rafforzato legato al soggiorno di dieci anni nello stato membro ospitante solo quando abbia preventivamente soddisfatto le condizioni per un soggiorno ininterrotto di 5 anni. Di conseguenza "occorre effettuare sistematicamente una valutazione complessiva della situazione dell'interessato al momento preciso in cui si pone la questione dell'allontanamento". Di conseguenza "il fatto che l'interessato sia stato posto in stato di detenzione nello Stato membro ospitante non rompe automaticamente i legami di integrazione che detta persona ha creato" con il Paese in questione e, pertanto, "non lo priva automaticamente della protezione rafforzata".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Brexit: per May inaccettabili idee Ue sull'Irlanda

Brexit: per May inaccettabili idee Ue sull'Irlanda

 
Eurozona: Paesi del Nord spingono Unione mercati capitali

Eurozona: Paesi del Nord spingono Unione mercati capitali

 
Migranti: Commissione Ue, su sbarchi non decidiamo noi

Migranti: Commissione Ue, su sbarchi non decidiamo noi

 
Brexit: Barnier, servono soluzioni o pronti a 'No deal'

Brexit: Barnier, servono soluzioni o pronti a 'No deal'

 
Brexit: Germania, difficile restare ottimisti in questa fase

Brexit: Germania, difficile restare ottimisti in questa fase

 
Npl: Comitato economico e sociale, servono azioni urgenti

Npl: Comitato economico e sociale, servono azioni urgenti

 
Ue-19: debito Italia sale a 133,4% nel 1/o trimestre

Ue-19: debito Italia sale a 133,4% nel 1/o trimestre

 
Migranti: Tajani, azione Ue vince in Niger e aiuta Italia

Migranti: Tajani, azione Ue vince in Niger e aiuta Italia

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS