Cerca

Venerdì 19 Gennaio 2018 | 16:15

Maschi rozzi regalate orsù scarpe trendy alle vostre donne

di ALBERTO SELVAGGI

Nòooo! «Sì invece. È un destino cicisbeo per il quale sei nato e al quale non puoi opporti». Ogni primavera, anzi ogni stagione la mia amica Franga (Francesca), come la chiamo in spregio al suo stile radical cultural, mi telefona per ricordarmi che «sei nominato ancora una volta sovrintendente estetico per l’acquisto delle mie scarpe nuova collezione». Il che corrisponde a un sequestro sardo di persona. Eccomi a te, studiosa dall’ev - ve moscia che mi pare risulti obbligatoria nel peripato vendoliano sinistrorso. Eccomi a te, quanto te drogato dagli accessori calamitanti vanità espressa in ogni forma, dai simulacri che traducono in metafisica il voluttuario e il voluttuoso: o uomini rozzi, regalate calzature onanistiche alle vostre donne, anche se vegliarde e brutte. O masculi dal cervello a tufo: spandete denaro per l’arte che i vostri occhi fossili non colgono. E date gioia, autostima, fantasie d’inversione agli esseri uterini dei quali non capite nulla. 

Lo sguardo di Franga arde di febbri di oppiomani senz’oppio: soffrirà finché il suo valore d’espressione non verrà saziato da due o tre decolleté a punta tonda: «Coraggio – la conforto -, ormai siamo a un isolato dal negozio». Pochi passi in progressione e ci appare qualcosa che sembra una vetrina ma risolve in orgia. Spazi ampi, specchi e sopra tutto la bellezza chanel tacco 12, d’orsay dai fianchi nudi, ciabatte, ballerine, zeppe, a spillo, a punta. Quali geni silvestri hanno ideato queste mirabilie: chiamarli designer è mortificazione. E quanti colori Dio ha riversato nel mondo traverso l’occhio conico di luce, e con questi le insidie che suole, gole di tacchi, gambetti, mascherine, colli e contrafforti anatomici nascondono come serpenti lussuriosi: «Le 14 centimetvi fichissime che mi hai fatto compvave l’altva volta mi hanno vesa mezza stovpia», mi svelena Franga contro. Ma cosa sono mai un occhio di pernice, inciampi in corsa e metatarsiche deformazioni? Il sacrificio e il desiderio sono la stessa cosa. 

«Scusa, ma a che quota siamo arrivati finora?», domando alla mia dama, servidore. «Boh, mi pave 78, 79 paia di scavpe». «E tu saresti una comunista? ». «E che vuol dive?! Sono di sinistva ma sono snob. E femmina, sopvattutto». D’attorno sfarfalla un gran numero di donne. A distanza relativa ciondolano accompagnatori dall’occhio esplorante gambe non di proprietà delle fidanzate o mogli loro. Tutti celebriamo i santi protettori delle calzature: Chloè, Marc Jacobs, McCartney, Marni, Miu Miu, Mihara, Pura Lopez, Parikka, Zambon, Kibardin musicofilo; Choo, Westwood, McQueen, Lorenzi, a sacchetto, pizzose, glam rock; semipreziose, Swarovski. Finché dal vano di una Louboutin multicolor vedo sgusciare lo spirito di Patrizia Calefato, semiolinguista barese, che pronuncia: «Sombart dimostrò come il lusso sia un motore dell’accu - mulazione capitalistica, a dispetto d’ogni weberiana convinzione». 

Hai sentito che ha detto Patrizia? «Patvizia dove? Sei ammattito? È in univevsità a quest’ova». No, è tra noi per ricordarci che «il sandalo solletica il connubio epistemologico tra abbigliamento, design e architettura». Per evocare i «Möbius e i Ribbon della United Nude» nell’antimoda. «Da’ qua la zampa, consumista corrotta» faccio acciuffando a mo’ di stalliere il collo del piede di Franga avvinto da listini bijou: «Queste Hardy non le compri, 900 euro sono troppi». «Me ne fvego, puve Antonella e Paola ievi si sono cazzate 1200 euvo pev le scavpe, e vestano bvave compagne lo stesso». 

Quando il lusso è democratico non è più lusso: tienilo presente, tu che mi parli delle Mallard duck lacustri. Non dimenticarlo quando invochi le Galliano in satin rosa e Manolo Blahnik venerato da tutte le scarpofile. Io faccio ciò che devo, tutto quel che posso: «Cammina… Girati… Sta’ ferma: profilo… Queste stringate ti slanciano a misura». Assumo le prospettive manualistiche di osservazione. Inesausto, ebbro del potere plastico dell’invenzione. Che alla nostra Franga costa circa 2000 euro a stagione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400