Cerca

Venerdì 19 Gennaio 2018 | 12:47

Nani e Heidi nelle fiabe nere di Natale

Nani e Heidi nelle fiabe nere di Natale
di ALBERTO SELVAGGI

Commendevoli amici, torno a voi, come promesso, per raccontarvi altre favole baresi assunte dalla cronaca vera, dopo quelle elargite nella rubrica passata. Come i cercatori di storie popolari che mi precedettero, ho colto nuove messi per incantarvi. E ora sono qui, troviere cozzalo, joglar, minnesänger elemosiniere di prieghi e di applausi, novizio Chrétien, Meissen e Malory della nostra terra piallata.

JACK IL SURREALISTA-  Nel verzuroso fazzoletto di Poggiofranco sta il Bar Moderno. Ebben, un dì un Ori, cioè un nano infuriato, vi entra impugnando un aggeggio magico con tamburo e grilletto e svuota le casse. Fugge, fa pum-pum contro i gendarmi e placca un bel giovane, Jack il Rosso, che sta per varcare in auto il cancello del parcheggio condominiale: «Où, ascìnn’, damm’ la magh’n’», gli fa bel bello puntandogli lo strano arnese alla crapa. Ma il tapino, invece di farsi da parte, immantinente instaura con l’Ori un dialogo surreale: «Tieni la macchina, ok, però fammi prendere almeno le chiavi di casa». «Che còusa?!». «Le chiavi di casa». «E dove le tieni?». «Lì nel vano, sennò che devo passare tutta la notte fuori, scusa?». «Gù (verso trogloditico ndr). Va bene, piggh’ l’ chiav’, fùsc’!». Il Rosso le prende, mentre l’Ori sgomma in controsenso investendo cavalieri nemici armati: «Fammela trovare da qualche parte!» gli grida dietro Jack con coraggio. L’auto riapparve in effetti giorni dopo a Triggiano, ma debitamente bruciata. 

IL CERVIATO DI PIAZZA UMBERTO - Un Semintellettuale accompagnava su un Suv un Cerviato (tradito dalla fidanzata). Gli appariva ‘mbriaco ancor più che affranto. Si fermano a parlottare in piazza Umberto quando passa uno gnomo mediterraneo (più alti dei boscaioli, secondo i Testi Magici). Dispettosetto, mena due calci lievi al fuoristrada biascicando villanie variegate. Il Cerviato si butta giù dall’abitacolo, mostrando alla notte le corna ramificate, afferra un mitra che sotto il sedile celava e lo punta contro lo gnomo addobbato di colori scialbi: «Hai qualche problema?!». L’essere arretra. Il Semintellettuale suda ghiaccio. Lo gnomo cammina a gambero ma, impertinente e indomato, a ogni passo mena una gastema al Cerviato che caracolla sfiatando alcol scotendo la negra mitraglia. Il Semintellettuale si auto-paralizza in sen pregando, lo gnomo quasi-alto va giù di «trmon’» e di «vaffa…». Poscia dilegua in nube di amianto. Il Cerviato s’accascia sul volante. Lacrima. Il Semintellettuale si congeda marmorizzato: «Beh, ci vediamo». E questa, lettori cari, è la storia del Cerviato di piazza Umberto impestata. 

HEIDI SCONFIGGE IL TOPINO - Una professoressa disegnata dalla natura come Heidi nel corpo e nell’anima rimirava ninnoli in una gioielleria murattiana. Quando irrompe un Topino (giovane roditore che favella e intende soltanto in vernacolo) e le afferra il collo per strapparle la collana. Heidi è mite, più buona e candida di tante fatte da Madre Chiesa sante, ma le fate dei boschi le soffian dentro un pulviscolo verde pugnace: così senza voltarsi mena una gomitata orientale sotto lo sterno del Topino marrano, lo fa rinculare e gli leva respiro vitale. Il dentuto umanoide scappa ma, malvagio com’è, si leva lo sfizio gridando: «Ahòu, signorèin’: vaffamocc’ a l’ muèrt d’ mamt’!». 

LA FARMACIA TEATRALE - Nella contea di Carrassi stava il locale d’uno speziale. Nel mentre questo, con cortesia, rifilava ai clienti elisiri che non servono a un cavolo, ecco che s’ode gran parapiglia per l’arrivo di due giganti del clan MacEachern del castello di Craignish. Menan fuori cric, cacciaviti e coltellacci: «Questa è una rapina» starnazzano come capponi scuoiati. «E questa è una pistola» risponde uno sceriffo in borghese sguainando una Magnum. «Moh, c’ ssì esagerat’!» fanno i giganti. Il cavaliero con due mosse li fa incatenati e li schiaffa nel purgatorio dietro alle sbarre. Da allora il negozio venne chiamato «la farmacia del teatro».
Fine. Arrivederci e felice Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400