Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 04:28

Da Bari contro la povertà del mondo

Wwf e Onu, in collaborazione con la Regione Puglia hanno presentato il programma «Stand up out», atti simbolici per eliminare fame e povertà, raggiungere l'istruzione primaria universale, promuovere l'uguaglianza
BARI - E' importante il supporto delle Regioni d'Italia nel sostegno ad iniziative che possano indurre il Governo italiano a comprendere che il problema della povertà nel mondo è una priorità politica: lo hanno sottolineato oggi a Bari il segretario generale del Wwf Italia, Michele Condotti, Marta Guglielmetti dell'Onu e l'assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, Silvia Godelli, che hanno presentato il programma 'Stand up out', organizzato da Wwf e Onu, in collaborazione con la Regione Puglia.
Si tratta di una campagna - iniziata il primo ottobre scorso - contro la povertà che prevede lo svolgimento in Puglia di una serie di iniziative, nel corso delle quali gli aderenti, per dimostrare simbolicamente la necessità di aiuti contro povertà, fame e malattie nel mondo, si alzeranno in piedi (stan up) contemporaneamente.
La Regione Puglia ha aderito al programma del Wwf e dell'Onu: «noi speriamo - ha detto Godelli - di incassare i risultati e gli obiettivi del millennio al più presto possibile e di promuoverli insieme al nostro Paese. Stiamo lavorando a tutto spiano - ha aggiunto - sulla cooperazione sia con la legge regionale, sia con i programmi finanziati dall'Unione Europea e con le politiche di pace: ospiteremo tra pochi giorni a Bari la Conferenza internazionale dei paesi donatori per la ricostruzione dell'Iraq e la grande Conferenza internazionale degli scienziati per il disarmo del movimento Pugwash».
«Quindi obiettivi importanti, obiettivi di condivisione - ha concluso Godelli - verso il basso con le popolazioni, soprattutto con i giovani, verso l'alto con il governo italiano e con tutte le organizzazioni internazionali».
«Questa - ha evidenziato Marta Guglielmetti, della campagna obiettivi del millennio dell'Onu - è già una questione politica, il nostro governo lo sa bene, ha già firmato nel 2000 una dichiarazione in sede Onu con altri 189 Paesi del mondo, per cui ne ha coscienza. Bisogna solo ricordare al governo che i cittadini ritengono queste tematiche priorità politiche e ci sono già prove come in Italia vi sia un paradosso: i cittadini sono molto determinati a portare il problema della povertà al top dell'agenda, invece i nostri politici sono più intrappolati in questioni più locali».
«Bisogna riconoscere - ha proseguito - che il governo attuale sta attuando una inversione di tendenza, non è ancora sufficiente ma sta lavorando per cercare di recuperare il terreno perso. Quindi per convincerli ancora di più, per agevolare coloro che all'interno del governo fanno da traino rispetto a quelli che frenano, abbiamo organizzato queste iniziative nelle quali i cittadini devono far sentire la loro voce per chiedere al governo di rispettare gli impegni».
«Noi viviamo nelle nostre comunità e finiamo sempre - ha detto Candotti del Wwf - per localizzare i nostri problemi ed essere anche schiavi delle nostre questioni quotidiane. Il problema, che è evidente a chi studia questa materia, è che le conseguenze economiche, ambientali, degli attuali cambiamenti in atto sono ormai importanti per la quotidianità, per cui non esistono più frontiere; la quotidianità è imperniata su attività globali"."Purtroppo - ha concluso - ciò che rimane localistica è la risposta politica, e la risposta è quella del coraggio della cultura che deve schierarsi per stimolare il dibattito politico e, soprattutto, per stimolare l'innalzamento culturale e la consapevolezza di ciò che sta avvenendo».

GLI APPUNTAMENTI
I prossimi appuntamenti sono previsti a Bisceglie (BA) (oggi 10 ottobre, ore 18.00 Parrocchia S. Caterina,
giovedì 11 alle 9.30 a Torre Guaceto (BR) e alle 10.30 a Brindisi (Provincia - p.zza S.Teresa,
giovedì 11 a Grottaglie (Ta) ore 18.30.
Prosegue a Bari sabato 13 e domenica 14 presso la Vallisa con lo spettacolo di Saverio La Ruina e domenica 14 con gli stand up in occasione delle partite di basket nei palazzetti di Brindisi e Molfetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione