Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:40

Suore litigano: chiude monastero

Succede a Bisceglie dove per «una non facile convivenza tra le monache presenti in monastero», l'arcivescovo ha deciso di mandare a casa le clarisse di Santa Chiara
Suore, monache BISCEGLIE (BARI) - Nel monastero «non è possibile garantire un sereno prosieguo della vita monastica». Motivo: la mancanza di vocazioni ma anche «una non facile convivenza tra le monache presenti in monastero», troppi litigi tra le suore di clausura. È il passo fondamentale della nota con cui l'arcivescovo della diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, mons.Giovan Battista Pichierri (la nota è sottoscritta dal cancelliere arcivescovile, mons. Giuseppe Asciano), ha chiesto alla Santa Sede, tramite la Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, «chiarimenti sul governo del monastero».
Il monastero di Santa Chiara, a Bisceglie, come si riferisce nella cronaca locale di quotidiani pugliesi, ora è come se fosse stato chiuso. Il governo è stato affidato ad un alto prelato, nel monastero è rimasta solo la badessa. Le altre due suore che erano con lei sono state trasferite in un altro monastero ad Altamura (Bari).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione