Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:40

Puglia/Malta - Esercitazione congiunta

Reimpatriati i militari dell'82° Reggimento di Barletta e del Genio guastatori di Foggia - inquadrati nella Brigata Pinerolo di Bari - dopo la 1ª fase di "Terra ferma"
Esercito - 82° Reggimento Torino di Barletta FOGGIA - Si è conclusa ieri a Malta la prima fase dell'esercitazione italo-maltese denominata "Terra Ferma". Alle 20 un aereo C-130 dell'Aeronautica militare italiana ha riportato in Puglia i soldati dell'82° Reggimento fanteria "Torino", che ha sede a Barletta, e un team di specialisti per lo sminamento e bonifica dell'11° Reggimento guastatori di Foggia, che hanno partecipato all'esercitazione. L'attività addestrativa annuale e bilaterale alla quale partecipano unità dell'Esercito italiano e maltese ha il fine di migliorare l'interoperativià tra forze armate al fine di acquisire la capacità di operare in un contesto multinazionale.
La Brigata Pinerolo - che è ubicata a Bari - ha operato con le forze maltesi per 3 anni consecutivi conducendo, l'anno scorso, la seconda fase dell'esercitazione in Puglia. La presenza della missione italiana che svolge un'attività di assistenza tecnico militare, attiva dal 1973, a guida dell'Esercito italiano, consolida anno in anno i rapporti di amicizia e cooperazione con Malta. Queste attività contribuiscono a far sì che lo strumento militare divenga una componente capace di concorrere alla salvaguardia, alla protezione ed alla cura degli interessi non più solo nazionali ma multinazionali. Questo tipo di addestramento consente di ottimizzare la capacità di «proiettare le forze militari» anche a grandi distanze con tempestività e per tempi prolungati per ripristino della pace la stabilizzazione e ricostruzione di aree di crisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione