Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 06:58

Donne imprenditrici: la Bonino apre Forum internazionale di Bari

"Nella politica così come nella imprenditoria certamente non c'è un rilievo adeguato alla parte femminile", ha detto il ministro per il Commercio Internazionale e le Politiche Europee, Emma Bonino. Ed ha aggiunto: "Fare sistema è semplicemente indispensabile e nessuno da solo ha la bacchetta magica per risolvere i problemi che abbiamo di fronte"
BARI - "Fare sistema è semplicemente indispensabile e nessuno da solo ha la bacchetta magica per risolvere i problemi che abbiamo di fronte". Lo ha detto il ministro per il Commercio Internazionale e le Politiche Europee, Emma Bonino, aprendo stamani a Bari il Forum sulle donne imprenditrici dell'Europa sud orientale e Balcanica, Caspio e Caucaso.
L'incontro - promosso dal ministero in collaborazione con la regione Puglia e Fiera del Levante - è il secondo dopo la prima edizione svoltasi a marzo a Milano. Vi partecipano circa 350 imprenditrici tra italiane e straniere, che operano in diversi settori. Si prevede di organizzare per loro, tra oggi e domani, oltre 900 incontri diretti.
Fare sistema - secondo Bonino - "non è un tentativo di ridurre il tutto ad uno, è un tentativo per dire che le specificità di ciascuno, se messe a sistema hanno un valore aggiunto, un potenziale di energia a cui ognuno di noi da solo (istituzioni, imprenditori, chiunque altro) non arriva perchè non c'è economia-mercato". Occorre quindi creare occasioni di incontro, sapendo "che tocca ad ogni donna poi farne tesoro e che la strada rimane comunque in salita". Una strada che però bisogna affrontare - ha detto Bonino - "con grinta, determinazione e trovando divertimento in quello che si fa".
In precedenza aveva preso la parola il presidente della regione Puglia, Nichi Vendola il quale ha esortato tutti a "combattere concretamente due nemici: provincialismo, l'attitudine a guardare il proprio ombellico, e la persistente esclusione della parte femminile del genere umano nella politica e nella vita pubblica".
"Nella politica così come nella imprenditoria certamente non c'è un rilievo adeguato alla parte femminile", ha poi aggiunto il ministro Bonino.
Al Forum sulle donne imprenditrici partecipano circa 350 imprenditrici tra italiane e straniere che operano in diversi settori. Provengono dei paesi dell'Albania, dell'Armenia, del Azerbaigian, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Georgia, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Romania, Serbia, Slovenia, Ucraina.
"In particolare - ha detto Bonino - l'imprenditoria femminile è un fenomeno vivace, determinato, ma giovane e non si sa per quale strano motivo è un fenomeno che si rischia di non vedere, come se fossimo trasparenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione