Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 13:49

La Puglia promuove la bicicletta

La Regione (assessorato ai Trasporti) ha individuato 2mila chilometri di strade a basso traffico, da inserire nel "network" internazionale del progetto per l'area dei Paesi del Mediterraneo "CyronMed"
Bari - Emiliano e Loizzo BARI - In Puglia duemila chilometri di strade per quanto possibile a basso traffico, da rendere ciclabili con adeguati provvedimenti di messa in sicurezza, sono stati individuati dalla Regione. L'iniziativa rientra nel progetto di cooperazione transnazionale "CyronMed" (Cycle Route Network of the Mediterranean), finanziato con i fondi del Programma di Iniziativa Comunitaria Interreg IIIB Archimed (Archipelago Mediterraneo). Ideatore e capofila è l'assessorato ai Trasporti della Regione Puglia che nel progetto ha coinvolto altre Regioni dell'Italia meridionale (Campania, Calabria e Basilicata), due Municipalità greche (Atene e Karditsa), l'Ente del Turismo di Cipro e il ministero dello Sviluppo Urbano di Malta. Entro dicembre dovrebbero essere 15mila i km di strade per le biciclette individuati in tutte le aree interessate. Obiettivo del progetto è avviare la realizzazione di una "Rete ciclabile del Mediterraneo" integrata con la altre reti trasportistiche, costituita dagli itinerari di media-lunga percorrenza dei progetti di rete ciclabile transeuropea "EuroVelo" (http://www.ecf.com/14_1) e di Rete Ciclabile Italiana «Bicitalia» (http://www.bicitalia.org/ ) che attraversano le regioni geografiche aderenti.
Il progetto si propone di realizzare uno studio di fattibilità di quegli itinerari nell'area considerata, uno studio sulle potenzialità del cicloturismo in area mediterranea e un manuale tecnico di progettazione di itinerari ciclabili di media-lunga percorrenza. Il progetto, primo nel suo genere in tutto il sud Europa, sta destando molto interesse specie in Puglia dove è nata l'idea progettuale. Qui, infatti, nonostante non ci sia una diffusa tradizione ciclistica come in altre regioni italiane (tipo Emilia Romagna, il Veneto o la Lombardia), negli ultimi anni è cresciuta l'attenzione generale verso i temi della mobilità alternativa e sostenibile come il trasporto ciclistico e il cicloturismo, grazie anche alle iniziative di sensibilizzazione dell'opinione pubblica di associazioni locali di ciclisti urbani (www.ruotalibera.bari.it) aderenti alla Fiab (www.fiab-onlus.it).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione