Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 20:20

La lotta all'alzheimer da Campi Salentina

E' il primo centro diurno pugliese che potrà ospitare quotidianamente i pazienti con malattia di Alzheimer di grado lieve-moderato. La gestione è del Consorzio San Raffaele
LECCE - E' attivo da venerdì 31 agosto presso la RSA di Campi Salentina (LE), gestita dal Consorzio San Raffaele, il primo centro diurno pugliese che potrà ospitare quotidianamente i pazienti con malattia di Alzheimer di grado lieve-moderato.
«Un altro passo importante - dichiara Alberto Bertolini, Direttore Generale del Consorzio - verso la definizione e l'ampliamento dell'offerta dei servizi socio-sanitari che insistono sul territorio dedicati alla gestione delle demenze gravi come l'Alzheimer. La sfida del futuro per la Sanità nazionale è quella di fare della medicina del territorio e della continuità assistenziale un pilastro a cui le famiglie possano aggrapparsi, oggi è anche la nostra sfida che con il supporto delle istituzioni regionali affronteremo con impegno e dedizione». Circa 900mila sono i malati di Alzheimer in Italia, 60.000 solo in Puglia. E Lecce è, tra le province, quella nella quale la concentrazione di pazienti è sicuramente maggiore (tra i 12 e i 15mila).

«La letteratura e le esperienze decennali già realizzate in altre regioni - spiega il Prof. Luigi Addante, Coordinatore Sanitario del Consorzio - dimostrano quanto sia importante il trattamento riabilitativo nei pazienti con malattia in fase lieve, con conservazione almeno parziale delle abilità cognitive e funzionali e con moderati disturbi cognitivo-comportamentali. Dal morbo non è possibile guarire, tuttavia, è possibile sia migliorare le prestazioni cognitive dei pazienti, che rallentare il decorso della malattia la quale, generalmente, si sviluppa nell'arco di 10 anni».
Nell'ambito dei servizi socio-assistenziali previsti per i pazienti affetti da demenza (Unità di Valutazione Alzheimer o UVA, Nuclei Alzheimer in RSA, Centri Diurni, Assistenza Domiciliare Integrata) il centro diurno riveste un ruolo fondamentale se si considera che una delle più importanti finalità per le quali nasce è quella di garantire al malato di Alzheimer una permanenza più lunga ed autonoma possibile nel proprio ambiente familiare ritardando l'istituzionalizzazione definitiva che diventa talvolta necessaria nella fase acuta della malattia: il paziente viene infatti quotidianamente seguito all'interno del Centro da un èquipe multidisciplinare per poi fare rientro al proprio domicilio a fine giornata. Il centro, che ha un indirizzo riabilitativo-cognitivo-motorio, offre al contempo una pausa ai familiari dallo stress assistenziale determinato dalla malattia nonché un fondamentale sostegno psicologico e formativo. La programmazione dell'attività del centro diurno contempla infatti anche degli incontri periodici con la famiglia dell'ospite che viene «supportata» nella gestione del parente ed alla quale viene garantito sostegno psicologico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione