Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 09:38

Sequestrate a Taranto 18 tonnellate di «bionde»

Guardia di Finanza in azione presso lo scalo marittimo assieme a funzionari dell'ufficio delle dogane. Il carico era all'interno di due container provenienti dalla Cina, e le sigarette sequestrate - dicono gli investigatori - «riportano i contrassegni del Monopolio di Stato verosimilmente contraffatti»
ROMA - Maxioperazione anticontrabbando della Guardia di Finanza di Taranto, che ha sequestrato un'ingente partita di sigarette, stimata in 18 tonnellate circa.
L'operazione è stata eseguita presso lo scalo marittimo da militari del Comando provinciale e funzionari dell'ufficio delle dogane. Il carico - spiega un comunicato della GdF - è stato individuato all'interno di due containers provenienti dalla Cina, e le sigarette sequestrate "riportano i contrassegni del Monopolio di Stato verosimilmente contraffatti".
Lo scalo marittimo di Taranto, rilevano gli investigatori della GdF, "si conferma ancora una volta come crocevia del traffico merci di contrabbando. Dall'inizio dell'anno, le sigarette sequestrate, compreso l'intervento di oggi, ammontano a 28 tonnellate circa".
NASCOSTE SOTTO LE SCARPE
Le 18 tonnellate di sigarette sequestrate dalla guardia di finanza nel porto di Taranto costituiscono la più importante operazione anticontrabbando di tabacchi fatta in Puglia dopo l'operazione Primavera degli anni novanta. Lo hanno sottolineato il comandante provinciale della guardia di finanza, col.Giovanni Monaco, e il direttore dell'Ufficio doganale jonico, Tommaso Musio, incontrando i giornalisti.
Le sigarette erano in due container, provenienti dalla Cina, nascoste sotto un carico di copertura di scarpe da tennis con il marchio falsificato di note aziende.
"Siamo stati abituati a vedere il traffico di sigarette da sbarco, da sfondamento delle linee - ha sottolineato Monaco -. Questo è più subdolo perchè passa attraverso le maglie del controllo doganale". "La peculiarità di questa operazione - ha aggiunto l'ufficiale - è che queste sigarette hanno anche il contrassegno del monopolio di Stato italiano, verosimilmente contraffatto. Questo è un dato nuovo per la sede di Taranto sul quale si impongono delle riflessioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione