Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 20:54

Taranto - Fidanzatini trovati morti in auto

Lei aveva 13 anni, lui 21. Si erano appartati per avere un po' di intimità ma - è l'ipotesi degli investigatori - dal climatizzatore difettoso s'è sprigionato monossido di carbonio
TARANTO - Si erano appartati in auto per cercare un pò di intimità e - molto probabilmente - sono rimasti avvelenati per le esalazioni di monossido di carbonio sprigionatesi dall'impianto di climatizzazione, forse difettoso. Sono morti così due ragazzi, trovati in mattina a Taranto. Lei aveva 13 anni, lui 21. SI chiamavano Giuseppina Catapano e Pietro Delapis.
Ieri notte, a quanto accertato dalla polizia, si erano appartati nel garage annesso a un edificio in via Machiavelli, al rione Tamburi. Alcuni parenti, non vedendoli tornare a casa, stamani sono andati a cercarli e hanno fatto la macabra scoperta. L'auto aveva ancora il motore acceso. I due fidanzati erano abbracciati.
L'ipotesi prevalente tra gli investigatori è che si sia trattato di un incidente, anche se al momento non sono escluse altre due piste: quella di un duplice suicidio o di un omicidio-suicidio.
Le salme, su disposizione del pm di turno, Mariano Buccoliero, sono state trasportate all'obitorio dell'ospedale "Santissima Annunziata" dove domani saranno sottoposte ad autopsia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione