Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 22:45

100.000 euro per avere il volo Bari-Mosca

E' l'impegno della Camera di Commercio del capoluogo pugliese e ufficializzato dal suo presidente, Luigi Farace, nel corso di un incontro con i vertici della Seap
BARI - "Garantire la continuita' nell'interesse dell'economia". E' con questa motivazione che la Camera di Commercio di Bari ha confermato il proprio impegno finanziario di 100.000 euro per garantire la continuità del volo diretto Bari-Mosca. La decisione - riferisce una nota della Cdc - è stata ufficializzata dal presidente della Cdc, Luigi Farace, nel corso di un incontro che si è tenuto oggi con i vertici della Seap ed è stata apprezzata dal presidente della società che gestisce gli aeroporti pugliesi, Domenico Di Paola, secondo cui "non è la cifra, seppure cospicua, ad essere importante quanto il gesto di una istituzione che con questa iniziativa chiama all'impegno concreto tutto il sistema, affinchè si attivi per concorrere a sviluppare la domanda necessaria a mantenere in vita queste destinazioni". Per Di Paola "bisogna attivare un circolo virtuoso di collaborazione fra istituzioni e bisogna dar atto alla Camera di Commercio di averlo fatto".
"In attesa che la Seap definisca gli effettivi fabbisogni finanziari - precisa Farace nella nota - la Camera di Commercio di Bari destinerà al volo Bari-Mosca un contributo non inferiore ai 100mila euro e si impegna a rifinanziare l'operazione per i prossimi tre anni". "Ho ribadito al presidente della Seap, Domenico Di Paola, e al direttore generale Franchini - afferma Farace - l'impegno per la conservazione di questa tratta aerea, affinchè venga garantita fino a fine ottobre la continuità con lo stesso vettore o con la compagnia che subentrerà". Secondo Farace, "la continuità è importante in primo luogo per la percezione della stabilità del ponte fra i due Paesi, che rende strutturali legami storico-culturali e religiosi, che a loro volta costituiscono fondamenta più solide e volano per quelli economici. La Russia è una piazza importantissima per le imprese baresi e pugliesi ed il momento storico è decisivo". "Per il made in Italy - afferma ancora - soffia un vento favorevole; l'interscambio è cresciuto nell'ultimo anno del 25%; 31 miliardi di investimenti contro i 35 della Germania, che rispetto a noi gode di indubbi vantaggi logistici".
Durante l'incontro, al quale hanno partecipato anche il vice presidente dell'ente Antonio Laforgia e il consigliere camerale Antonio Barile, secondo quanto riferisce la nota, "è stata sottolienata la necessità di sviluppare, con il contributo della Camera di Commercio, iniziative collaterali e azioni di marketing attrattivo in Russia sulle eccellenze produttive pugliesi, dall'agro-alimentare al turismo. Ma anche in tutte le altre aree di destinazione di voli diretti da Bari, affinchè si intensifichi all'estero una conoscenza più diffusa del territorio barese e della Puglia, che crei la domanda necessaria al mercato aereo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione