Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 06:33

Lecce - Condannati 7 "anarchici"

Concluso in Corte d'Assise il processo nei confronti di un gruppo di persone, accusate di violenze e minacce nei confronti del centro per immigrati "Regina Pacis" di Melendugno. Otto assolti
Centro di accoglienza Regina Pacis LECCE - Si è concluso con sette condanne e con otto assoluzioni il processo davanti alla Corte di Assise di Lecce a giovani presunti anarchici, accusati di violenze e intimidazioni nei confronti del centro di accoglienza per immigrati all'epoca in funzione "Regina Pacis" a Melendugno e del suo responsabile, don Cesare Lodeserto. I giudici - la sentenza è stata emessa dopo dieci ore di camera di consiglio - hanno ritenuto gli imputati responsabili di associazione per delinquere ma non di eversione dell'ordinamento democratico come chiesto dall'accusa.
Gli anarchici furono arrestati nel 2005 nell'operazione "Nottetempo".
Tra gli episodi contestati, scritte e telefonate offensive, bombe molotov contro il "Regina Pacis" e atti di violenza contro Lodeserto e i suoi collaboratori.
Le pene - inferiori a quelle chieste dal Pm, Lino Giorgio Bruno - variano da quattro mesi a cinque anni di reclusione. La pena più alta è stata inflitta a Salvatore Signore, di Casarano, ritenuto il più attivo del gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione