Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 10:55

Olio «100% italiano» ma da olive estere

L'immissione sul mercato di oltre 2.300 tonnellate di olio extravergine pugliese miscelato con oli di provenienza spagnola, greca e tunisina è stata scoperta dalla Guardia di Finanza e dall'Ispettorato di controllo della qualità dei prodotti agroalimentari. Il titolare di un'azienda olearia di Andria è stato denunciato a piede libero. In Toscana sequestrati container pieni di quest'olio e pronti a partire per gli Usa
Pane e Olio ANDRIA (BARI) - L'immissione sul mercato di oltre 2.300 tonnellate di olio extravergine pugliese miscelato con oli di provenienza spagnola, greca e tunisina è stata scoperta dalla guardia di finanza e dall'Ispettorato di controllo della qualità dei prodotti agroalimentari. Il titolare di un'azienda olearia di Andria è stato denunciato a piede libero alla magistratura con l'accusa di frode in commercio, truffa e falso nella tenuta dei registri oleari.
Si tratta di Giacomo Basile amministratore della società Olearia Basile, il quale - secondo gli investigatori - avrebbe miscelato l'olio e lo avrebbe venduto ad altre aziende per l'imbottigliamento e la distribuzione con la dicitura di olio extravergine 'made in Italy'. Lo scorso 13 giugno nell'Olearia Basile furono sequestrate 1.666 tonnellate di olio miscelato.
«Al momento - ha sottolineato il comandante del Gruppo tutela spesa pubblica della Guardia di Finanza del gruppo di Bari, col. Vincenzo Mangia - si sta procedendo al recupero dal mercato del maggior quantitativo possibile dell'olio miscelato dall'olearia Basile». «Ma non c'è nessun pericolo per la salute dei consumatori», ha assicurato.
Nelle ultime ore i finanzieri hanno sequestrato 600 mila chili di olio, ancora da imbottigliare, nelle aziende imbottigliatrici che si trovano in diverse regioni con cui l'olearia andriese aveva rapporti: Puglia, Campania, Lazio, Umbria, Toscana, Lombardia e Sardegna. In Toscana sono stati sequestrati alcuni container contenenti l'olio miscelato, pronti a partire per gli Stati Uniti.
«Adesso - ha concluso l'ufficiale delle Fiamme gialle - proseguiremo nell'analisi dei registri sia della Olearia Basile, sia delle aziende imbottigliatrici per poter capire dov'è finito tutto l'olio miscelato, ed effettuare sequestri anche nella piccola distribuzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione