Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 16:10

Puglia - Vertice sull'emergenza acqua

Riunione al ministero della Salute, su iniziativa del sottosegretario Antonio Gaglione. «Nel corso degli anni si sono accumulati difetti gestionali, non è giusto che questo ricada sulla popolazione»
Antonio Gaglione ROMA - Si è svolto oggi presso il Ministero della Salute un vertice istituzionale sull'emergenza idrica in Puglia presieduto dal sottosegretario alla Salute Antonio Gaglione. Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato i rappresentanti degli enti e delle istituzioni locali interessati, sono state illustrate tutte le modalità per fronteggiare nel breve e medio termine il deficit idrico in Puglia. «La riunione è stata utile per inquadrare la moltitudine di problemi che si intersecano nella gestione della risorsa idrica in Puglia - ha sottolineato il sottosegretario Gaglione - tuttavia, è ampiamente chiaro che il nodo principale della questione ruota soltanto in parte attorno alla penuria di precipitazioni o alle perdite di rete, ma è determinata da un problema più ampio che va indagato a fondo. Di fatto, anche alla luce delle considerazioni espresse dal ministero delle Infrastrutture - ha insistito Gaglione - l'attuale disponibilità idrica non giustifica la situazione di gravissimo deficit che, addirittura, ha visto il ricorso alle autobotti; per questi motivi, il livello centrale ha il dovere di sapere cosa è accaduto e in quale settore del governo locale delle acque c'è stata la disfunzione. Sicuramente, dalle relazioni dei vari tecnici - ha aggiunto il sottosegretario - è emersa l'impressione che, nel corso degli anni, sia siano accumulati e cristallizzati difetti gestionali e non è giusto nei confronti della popolazione pugliese liquidare il deficit idrico attraverso la scarsità di piogge e con il clima sempre più caldo. Per questi motivi - ha proseguito Gaglione - ritengo opportuna una discussione costante anche a un livello politico ulteriore, nella speranza che si possa operare in sinergia istituzionale. L'acqua è il bene più prezioso in assoluto per la tutela della salute - ha concluso Gaglione - e il Ministero ha fondamentali compiti in materia di prevenzione che, in questo caso, verranno utilizzati fino in fondo: non è accettabile che il cittadino subisca la riduzione o l'interruzione di acqua potabile; è come sottrarre un diritto fondamentale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione