Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 02:10

Acqua, la Puglia chiede aiuto alla Basilicata

Sarebbero necessari altri 1.500 litri al secondo. Intanto infuria lo scontro politico. Il capogruppo di Fi in Consiglio regionale, Rocco Palese, parla di «incapacità della Giunta Vendola». L'assessore pugliese alle Opere pubbliche, Onofrio Introna, arriva a chiedere l'aiuto del Padreterno: se piovesse sull'Irpinia...
BARI - L'immagine è di quelle che rimandano a tempi lontani: persone con taniche e damigiane in mano a rifornirsi d'acqua dalle autobotti. E non perchè c'è stata qualche rottura alla rete dell'acquedotto, ma semplicemente perchè l'acqua non c'è. L'emergenza idrica è una realtà a Taranto e provincia, ma lambisce Brindisi, e territori del brindisino e del leccese, e grava minacciosa anche sul resto della Puglia.
L'assessore pugliese alle Opere pubbliche, Onofrio Introna, non si sente di escluderlo e arriva a chiedere l'aiuto del Padreterno: se piovesse sull'Irpinia... Già, perchè è proprio da lì che nascono i problemi per la Puglia salentina. Nascono dalla mancanza o dalla scarsità di nevicate, mesi fa, sulle fonti irpine del Sele e del Calore, da dove traggono alimento i corsi d'acqua che arrivano nella Puglia meridionale.
Ed è proprio la lontananza nel tempo delle cause della siccità ad alimentare una polemica politica recente ma che ha già assunto toni roventi. Sono in molti infatti, sia dalla maggioranza sia dall'opposizione, a chiedersi come mai non si sia provveduto per tempo a ovviare o quantomeno a limitare i danni di una emergenza facilmente preventivabile.
Danni che possono essere riassunti così: mancano 1.500 litri d'acqua al secondo. Allora, polemiche a parte, come farvi fronte? "Abbiamo parzialmente mitigato questa perdita - dice Introna, che oggi ha partecipato a una riunione sull'emergenza idrica a Taranto - con altri prelievi dal Locone, dal Sinni, con l'attivazione di alcuni pozzi sempre in Puglia, ma la quantità da colmare di acqua è tanta".
"In questo momento - aggiunge - stiamo facendo con l'Acquedotto pugliese la verifica sull'acqua di ulteriori pozzi per vedere se e quanti se ne possono attivare. Nello stesso tempo ho chiesto con urgenza la riunione del Comitato dell'acqua Puglia e Basilicata".
L'organismo è composto dai segretari delle due autorità di bacino - Puglia e Basilicata - dai presidenti delle due Regioni (domani Introna sostituirà Vendola) e dai rappresentanti del ministero delle Infrastrutture. Il comitato si dovrebbe tenere domani in tarda mattinata a Potenza. In quella sede la Puglia chiederà alla Basilicata di avere almeno altri 250-300 litri al secondo. "Contiamo di avere risposte positive", dice Introna.
"Quindi - riassume - dobbiamo vedere quanti pozzi riusciamo ad attivare, quanta acqua possiamo avere in più dalla Basilicata e poi una mano, la più importante, ce la può dare il Padreterno facendo piovere sull'Irpinia, dove sono le fonti del Sele e del Calore". Gli altri invasi che alimentano il sistema idrico pugliese, nonostante la siccità, non sono messi poi così male, ma la portata dei canali è quella e la quantità d'acqua che è possibile attingere da essi non può aumentare di molto.
E mentre si lavora per risolvere il problema, si lavora anche sul versante delle inevitabili polemiche. Il capogruppo di Fi in Consiglio regionale, Rocco Palese, dice che "le grandi opere sono ferme per incapacità della giunta Vendola di programmare gli investimenti e snellire le procedure di approvazione dei progetti". Ma anche dalla maggioranza non si usano toni più lievi: per il vicepresidente del consiglio regionale pugliese, Luciano Mineo (Ds), tarantino, "è intollerabile che nessuno si sia posto il problema prima che l'emergenza scoppiasse". Per il deputato di Forza Italia Luigi Vitali, quanto sta accadendo "è scandaloso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione